Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Veicoli rubati e smontati, polizia irrompe in un deposito della Statale 16 bis: beccati in quattro (due erano incensurati)

Sottoposti a fermo di indiziato di delitto un 45enne e un 42enne pregiudicati di Cerignola e denunciato in stato di libertà un 24enne e un 43enne incensurati di Cerignola e Stornara, con l'accusa di ricettazione in concorso.

 

Nel pomeriggio di venerdì 9 ottobre, nell’ambito di predisposti servizi di intensificazione del controllo del territorio, personale del Reparto Prevenzione Crimine di San Severo, con la collaborazione di personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, della Polizia Stradale di Foggia e del Reparto Prevenzione Crimine di Bari, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 45enne e un 42enne pregiudicati di Cerignola e denunciato in stato di libertà un 24enne e un 43enne incensurati di Cerignola e Stornara, con l'accusa di ricettazione in concorso.

In particolare, gli agenti notavano dei movimenti sospetti nei pressi di un deposito ubicato su una complanare della Statale 16 bis. Pertanto, dopo aver circondato l’immobile, effettuavano un controllo all'interno. Dentro c'erano quattro persone intente a spostare dei mezzi. Due si davano alla fuga ma venivano prontamente bloccati.

Sul posto, si accertava che i veicoli che i quattro stavano spostando erano di provenienza furtiva. In particolare, si trattava di una cabina di guida di un mezzo pesante risultato rubato a Praia a Mare lo scorso mese di settembre, di un carrello elevatore e di un autocarro che presentavano i segni identificativi punzonati con caratteri e modalità difformi da quelli in uso alle case costruttrici.

I due arrestati, dopo le formalità di rito, venivano sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Nel sito erano presenti numerosissime parti di veicoli con segni identificativi rimossi e/o abrasi debitamente sequestrate.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento