Cronaca Vieste

Furti su commissione nella villa nobiliare: recuperato "tesoretto" d'antiquariato

E' accaduto a Vieste, dove la polizia ha recuperato quadri, mobili e complementi d'arredo di pregio trafugati in una villa disabitata. Quattro persone sono state denunciate

Quadri, mobili antichi e complementi d’arredo di pregio. Tutti arredi trafugati da una villa nobiliare disabitata in pieno centro a Vieste. E’ quanto scoperto dagli agenti del commissariato di Manfredonia che, insieme ai colleghi della Sottosezione Polizia Stradale di Vieste, hanno recuperato il prezioso “tesoretto” e denunciato quattro viestani - tre dei quali già noti alle forze dell'ordine - che dovranno rispondere, a vario titolo, di furto, ricettazione ed incauto acquisto.

Tra gli oggetti recuperati, tutti riconosciuti dalla proprietà, vari comò, specchiere, scrivanie, sedie e tavoli in vimini, quadri e dipinti antichi, marmi pregiati, sgabelli in legno ed un antichissimo divano in legno e stoffa, tutto stimato nell’ordine di numerose migliaia di euro. I furti nella villa - disabitata da anni perché pericolante – si susseguivano da tempo, tutti puntualmente denunciati dagli eredi di un’anziana nobildonna viestana ancora in vita, che nulla sa dei furti perpetrati, poiché oggetti di grande valore affettivo, prima che economico.

Parte della refurtiva è stata sequestrata in flagranza di reato, altra ritrovata dagli agenti nel laboratorio di un falegname-restauratore viestano. Ulteriori oggetti, invece, sono stati recuperati nel giardino della villa di Vieste, dove erano stati nascosti con l’intento di recuperarli in un secondo momento. Sul fatto, sono in corso ulteriori indagini per individuare il resto della refurtiva, che potrebbe essere già stata immessa nel mercato dei ricettatori. Gli investigatori infatti temono che possa trattarsi di furti su commissione, ordinati da esperti e amanti di antiquariato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti su commissione nella villa nobiliare: recuperato "tesoretto" d'antiquariato

FoggiaToday è in caricamento