Furti cavi di rame a Peschici e a Manfredonia, deferite 7 persone

A Peschici tre persone sono state sorprese in auto mentre trasportavano 1 quintale e mezzo di cavi di rame. Stessa sorte a Manfredonia dove un'auto è stata fermata sulla SS 89 in direzione di Mattinata

I Carabinieri della Stazione di Peschici hanno deferito in stato di libertà due fratelli T. D. e T.B. di 24 e 31 anni e L.N. 48enne, trovati in possesso di un quintale e mezzo di cavi di rame. Ad insospettire i militari, che stavano espletando un posto di controllo, è stato l’eccessivo carico dell’utilitaria sulla quale viaggiavano i tre.

Ritenendo che stessero trasportando “botti di Natale” illegalmente detenuti e da vendere a ridosso del Capodanno, i militari del 112 hanno deciso di controllare il bagagliaio dell’autovettura, al cui interno vi erano cavi di rame.I tre si sono giustificati dicendo di averli rinvenuti e caricati a bordo casualmente. Versione questa che i carabinieri hanno giudicato poco credibile.

Un’operazione simile è stata condotta dai militari dell’arma di Manfredonia che hanno denunciato per ricettazione quattro individui del posto già noti alle forze di polizia. Verso le due di notte i militari hanno individuato un autocarro con quattro persone a bordo che procedeva con fare sospetto sulla SS 89 in direzione di Mattinata.

Insospettiti, si sono affiancati all’auto in corsa e chiesto al conducente di fermarsi. Durante le operazioni di identificazione era evidente la presenza di cavi elettrici verosimilmente di proprietà dell’Enel, del diametro di circa 2 centimetri e mezzo, della lunghezza di circa 220 metri e del peso complessivo di 470 kg. 

I fermati, il più giovane di 19 anni e il più anziano di 40, sono stati accompagnati in caserma per gli approfondimenti del caso, ma non hanno fornito alcuna indicazione sulla provenienza del materiale trasportato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento