Cronaca Vieste

Vieste: domani i funerali dei fratelli Piscopo

A 7 mesi dal ritrovamento dei corpi, domani degna sepoltura per i due imprenditori viestani vittime di uno dei più efferati delitti di mafia della storia recente della provincia di Foggia

La campana della cattedrale di Vieste suonerà domani, alle 15.30. A quell’ora il portone di ingresso si aprirà e - a 5 mesi dal ritrovamento dei corpi - accoglierà le salme di , i fratelli imprenditori scomparsi il 18 novembre 2010, vittime di uno dei più efferati omicidi di mafia in Capitanata, segnatamente sul Gargano. I loro resti furono rinvenuti carbonizzati solo dieci giorni dopo, nella Foresta Umbra. Sul duplice omicidio gravano ancora oggi molti interrogativi e domande, ai quali gli inquirenti stanno cercando di dare risposte. Intanto una prima risposta ufficiale c’è: quei corpi rinvenuti in una zona impervia della Foresta Umbra sono proprio di Giovanni e Martino. Lo ha decretato ufficialmente l’esame del dna ottenuto comparando i resti ritrovati con quello ricavato da capelli e saliva di due sorelle delle vittime. Due donne che non si sono mai arrese nel periodo della loro scomparsa, chiedendo risposte e lanciando appelli. E che domani - ottenuto il nulla osta ai funerali- potranno finalmente dare degna sepoltura agli uomini di famiglia. Ad officiare le esequie domani il Vescovo di San Giovanni Rotondo-Manfredonia-Vieste, monsignor Michele Castoro, e il parroco della Chiesa Madre dedicata a Santa Maria Assunta, don Gioacchino Strizzi. Una tragedia che ha scosso drammaticamente la cittadina garganica. Attesissima l’omelia del Vescovo, più volte scagliatosi in passato contro la mafia, portatrice di morte.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vieste: domani i funerali dei fratelli Piscopo

FoggiaToday è in caricamento