Dal miracolo riabilitativo alla prima comunione: storia di Francesco Pio, il bambino coraggio

La storia di Francesco Pio Ricciuto, affetto dalla sindrome di Pierre Robin, recuperato alla vita grazie ai programmi riabilitativi del Don Uva di Foggia, che ora riceve la prima comunione. La madre: "E' un giorno meraviglioso"

Francesco Pio Riccuto durante la prima comunione

E' stata la Cappellina Santa Maria Bambina dell’Opera Don Uva di Foggia ad ospitare la cerimonia della prima comunione di Francesco Pio Ricciuto, 11 anni, protagonista di una storia che ha dell’incredibile. Francesco, affetto dalla sindrome di Pierre Robin, che comporta grave disabilità motoria e psichica, è la testimonianza di come la fisioterapia, unita ad una grandissima forza di volontà e all’amore incondizionato di una mamma, possano compiere dei piccoli miracoli terreni.

La cerimonia è stata officiata questo pomeriggio da don Rosario De Rosa, responsabile della pastorale sanitaria diocesana e cappellano dell’Opera Don Uva di Foggia, in una cerimonia organizzata dalla Congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza. Erano presenti alla cerimonia anche i responsabili delle associazioni della Protezione Civile ‘Paser’ di Manfredonia e ‘Falchi’ di Foggia.

A Francesco, appena nato, erano stati pronosticati pochi giorni di vita. Invece lui, in cura presso il Centro di Riabilitazione Polivalente Don Uva del capoluogo dauno sin dall’ottavo mese, ora riceverà la prima comunione. Una notizia che rende merito, anche, alla riconosciuta efficacia dei programmi riabilitativi, assistenziali e curativi dell’Ospedale Don Uva e alle rilevanti professionalità che operano nella struttura, punto di riferimento sul territorio da oltre novant’anni. Francesco, dopo un complicatissimo processo riabilitativo, ora cammina regolarmente ed è in grado di condurre una vita socialmente più che valida, pur con tutte le limitazioni del caso per  un minore con gravi disabilità psico-motorie.

Fondamentale per lui l’apporto di sua mamma Sarah - visibilmente commossa - che non si è mai arresa alle difficoltà enormi che la sindrome comporta ed ha supportato e supporta tuttora le grandi sfide che giornalmente suo figlio Francesco deve affrontare e vincere. “Questo è un giorno meraviglioso per Checco – dice Sara – e vorrei che fosse un giorno da ricordare per tutte quelle che mamme che come me devono superare montagne insormontabili. Il sorriso di mio figlio mi spinge a credere che non ci si debba mai arrendere e che se è vero che lui, io  e la sua famiglia non avremo mai una vita normale, è pur  vero che una vita è comunque possibile.

Ed è una vita bellissima, perché io non vorrei nessun altro figlio se non Francesco, pur con la sua esistenza così complicata. Tutto questo è stato reso reale anche grazie al Don Uva, alle sue mille risorse, alle sue fisioterapiste, ai medici, agli infermieri e a tutto il personale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento