Criminalità sfrontata a Monte Sant'Angelo, amministratori e funzionari nel mirino: "Serve una presa di coscienza"

La criminalità preoccupa Monte Sant'Angelo. Dal 2017 ad oggi una lunga sequenza di atti criminali è stata registrata in danno di amministratori e funzionari comunali. Forza Italia richiama alla responsabilità colletiva

L'incendio dell'auto del sindaco d'Arienzo

La criminalità preoccupa Monte Sant'Angelo, dove negli ultimi giorni, due gravi fatti delinquenziali hanno interessato la città garganica.

In particolare, nella serata del 1° ottobre scorso, è stato incendiato, per l’ennesima volta, il Centro comunale per la raccolta rifiuti e, nella notte tra sabato 10 e domenica 11 ottobre, è stato incendiato un mezzo per il trasporto disabili dell’associazione di volontariato 'San Michele Arcangelo'.

"Questi raccontati sono soltanto gli ultimi due di tanti altri atti a danno di amministratori e funzionari comunali, associazioni o concessionari di servizi comunali, atti che dal 2017 ad oggi si sono succeduti nella città", spiega in una nota la sezione cittadina di Forza Italia.

Tanti i casi elencati: dall'incendio di una giostra per bambini a quello del Centro comunale per la raccolta rifiuti; dall'incendio dell’auto del caposettore Rignanese a quella del primo cittadino d'Arienzo; e ancora, le gravi minacce di morte per il sindaco d’Arienzo e per l’assessore Rignanese (fatto oggetto di altri atti intimidatori), solo per citarne alcuni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Forza Italia ritiene che l’ennesimo incendio a danno del Centro comunale per la raccolta rifiuti e, quindi, sia del Comune - che ne è il proprietario - sia della ditta concessionaria del servizio di raccolta rifiuti abbia bisogno di una presa di posizione forte da parte di tutti, specialmente da parte dell’amministrazione comunale e auspica un’attenzione particolare delle Istituzioni sovracomunali per quanto sta accadendo in città da tre anni a questa parte, visto che bersaglio dei delinquenti sono stati amministratori e funzionari comunali o ditte concessionarie di servizi comunali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento