menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Ha un altro uomo, subisce violenze dall'ex marito e dalla figlia: "Ti ammazzo" e "Ti rovino con l'acido"

Contro la donna anche la figlia trentenne, che la colpiva con oggetti, la apostrofava con epiteti volgari e l'avrebbe anche minacciata di sfregiarla rovinarla con l’acido. Anche lei è destinataria della stessa misura

Viene a sapere che l'ex moglie ha una nuova relazione, e inizia a perseguitarla, arrivando a minacciarla anche con un coltello. E' quanto scoperto dalla polizia che, lo scorso 19 novembre, ha eseguito una misura cautelare del divieto di avvicinamento nei confronti di un uomo di 55 anni foggiano, ex-coniuge della  parte offesa. 

L'attività è stata messa a segno dagli agenti della Squadra Mobile - Sezione Reati contro la Persona e Minori. Secondo quanto ricostruito, dopo la separazione, l'uomo -  avendo appreso dalla figlia trentenne convivente con la madre, che la stessa aveva una relazione sentimentale con un uomo, le ha prima negato l’assegno di mantenimento, poi ha cominciato a minacciarla e a perseguitarla appostandosi sotto casa e seguendola anche in luoghi pubblici e sul luogo di lavoro per ingiuriarla.

Più volte la minacciava armato di coltello, dicendole che se non avesse lasciato il nuovo compagno l’avrebbe uccisa e se non avesse lasciato la casa coniugale assegnatale con sentenza del Tribunale l’avrebbe ammazzata. L’uomo, non contento, faceva di tutto per aizzare la figlia contro la madre, tant’è che la ragazza coabitante con la madre più volte la colpiva con degli oggetti provocandole in diverse circostanze lesioni personali, apostrofandola con epiteti volgari e minacciandola di ucciderla e rovinarla con l’acido. La misura cautelare è stata emessa anche nei confronti della figlia, consistente in questo caso, nell’obbligo di allontanamento dalla casa coniugale.

Le persecuzioni avevano inizio nel luglio 2017 e si protraevano nel corso del 2018: la donna viveva in uno stato di terrore ed era stata costretta a rifugiarsi  presso casa di amiche e sorelle, abbandonando la casa coniugale. Costretta a diradare le uscite pubbliche per paura di rappresaglie, aveva dovuto cambiare completamente il proprio stile di vita.

Le indagini condotte dalla squadra investigativa, in sinergia con il Centro Antiviolenza di Foggia che ha consentito alla vittima di fruire di un sostegno psicologico notevole, sono consistite in una corposa attività di riscontro delle denunce sporte dalla vittima che hanno portato alla formulazione della richiesta della misura cautelare da parte del Pubblico Ministero e la successiva emissione dell’ordinanza del G.I.P. del Tribunale di Foggia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento