"Foggia Teatro Festival", Rizzi:"Piazzetta viva e pulsante"

Il coordinatore provinciale di Sel, esprime commenti favorevoli nei confronti dell'evento organizzato dal Comune, Bdm e Cerchio di Gesso. Una manifestazione che ridarà lustro al centro storico

"Il 23 agosto, dopo molto tempo, con gli artisti di strada della prima edizione del 'Foggia teatro festival', riavremo una piazzetta viva e pulsante. Ringraziando tutti gli “attori” di questa iniziativa, un plauso va alle attività che riapriranno in anticipo dalla chiusura estiva".

E' il commento espresso dal coordinatore provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà, Domenico Rizzi, a proposito del Foggia Teatro Festival, evento organizzato dal Comune di Foggia - Assessorato alla Cultura, dalla Fondazione Banca del Monte 'Domenico Siniscalco Ceci' di Foggia e dalla compagnia teatrale Cerchio di Gesso, in collaborazione con 'Mercantia', il Festival degli Artisti di Strada di Certaldo, che si svolgerà nel centro storico foggiano dal 23 al 26 agosto.

"La nostra piazzetta - che ha origini dal medioevo - assume una vera e propria fisionomia suggerita - oltre che dal gusto dell’epoca (ormai scomparso) - dalle necessità e dai bisogni del popolo di rispondere alle esigenze di ordine pratico. In essa si svolgevano tutte le grandi manifestazioni pubbliche.  La piazza come luogo di aggregazione, spazio aperto e libero, condivisibile per consentire la fruibilità  di ogni singolo per vivere la città. La piazza come snodo e “ nodo” dove si collocano, innestano, sviluppano edilizia civile e religiosa; la piazza come punto integrante, punto vitale, nodo non solo edilizio ma punto focale dove hanno inizio e fine strade che come arterie, vene e capillari sono necessarie per la vita del tessuto urbano", sottolinea Rizzi.

"La piazza non è assolutamente da intendersi come uno spazio esclusivo, fruibile per pochi: non si può strappare dalle mani (o meglio sotto i piedi) uno spazio comune a tutti.

La piazza è quella zona franca per eccellenza dove tutti sono attori protagonisti in uno spazio libero e aperto, luogo che ospita lo “stato “necessario per la vita di una città, spazio interpretabile come un salotto di tutti dove, sotto le luci ambrate che illuminano la “nostra piazzetta”, ci si distende l’animo incontrando, socializzando, per riconoscere e riconoscersi parte integrante di una città ma soprattutto viverla. Un nodo dove si sviluppano e prendono posto palazzi, scuole e attività commerciali. La piazzetta come spazio cittadino, quindi, non è da considerarsi assolutamente un surrogato del tessuto urbano né luogo da demonizzare sulla questione sicurezza, ma certamente una zona che merita rispetto, non che monumento continuo per tutto il suo percorso, memoria storica della città.

Altro discorso - prosegue Rizzi - e di ben altra portata e carattere, è l’inciviltà che il vissuto della piazzetta lascia come un segno di poco rispetto verso uno spazio comune come bottiglie e residui prodotti da locali notturni, che coprono quasi schifosamente il manto stradale. Ma qui c’è da interpellare l’amministrazione civica, chiedendo che i pochi contenitori adibiti per l’accoglienza dei rifiuti vengano svuotati più frequentemente durante le serata ( visto che a fine di quest’ultima, traboccano) o addirittura incentivando la presenza di cassonetti removibili da porre e prelevare durante il fine settimana o in periodi critici ( Natale e Pasqua).

Discutibilissimo il brusio continuo che viene prodotto dal popolo della notte, ma qui ancora una volta l’amministrazione è chiamata a dettare orari precisi ai locali senza nessun tipo di proroga o privilegi da elargire a questo o a quel gestore.

Di ben altra natura è il problema della gestione degli spazi comuni, strettamente collegato al punto soprascritto, perché arbitrariamente i locali fanno bella mostra di sé, pavoneggiandosi quasi in una competizione spietata nel mostrare quanti più tavolini e sedie possibili senza tener conto della benché minima metratura per permettere il passaggio dei pedoni che percorrono la piazzetta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per finire ci si pone una domanda: non è forse giunto il momento di ripartire da una programmazione ad ampio raggio e non di urgenza e a breve scadenza? ci chiediamo - infatti - se sia possibile dimostrare a chi la vive che siamo in grado di esserci con una politica viva tra la gente" ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento