rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

La Polizia Autostradale chiamata a sforzi e sacrifici, la denuncia del SIULP: "C'è grave carenza di organico"

Sollecitata un’iniezione di personale in entrata per la prossima movimentazione del personale. Tutto ciò in vista dell'estate, quando la Sottosezione è chiamata a far fronte agli ingenti flussi di esodo e controesodo di utenti in A14

Grave carenza di organico per la Sottosezione Polizia Autostradale di Foggia”. E’ quanto denuncia il SIULP nel vasto territorio di Capitanata, in cui tale specialità di polizia è chiamata, da sola, a rispondere alla vigilanza in ambito autostradale, volta alla prevenzione e repressione dei reati in genere, a garanzia della sicurezza della circolazione stradale.

Tale reparto, “sede disagiata” poiché ubicato in corrispondenza della barriera A14 di Foggia, garantisce - nell’ambito delle ventiquattro ore - copertura del proprio ambito geografico gestendo interventi di propria  competenza. Oltre all’ordinaria presenza di pattuglie, fornite quotidianamente in difetto rispetto a quelle previste, la Sottosezione garantisce anche specifici servizi di controllo del territorio quali contrasto alla microcriminalità nelle aree di servizio, contrasto alle illegalità legate al transito fraudolento ed elusivo del pagamento del pedaggio autostradale, controllo ai veicoli commerciali, controlli straordinari, notturni, volti al contrasto della guida sotto gli effetti dell’alcool e droga.

Per tali attività (e per il prosieguo delle attività di polizia giudiziari a e amministrativa) viene prelevato e distratto personale impiegato in servizi d’Ufficio con cadenza prima saltuaria, oggi quasi sistematica, mettendo in luce la grave carenza di personale nel reparto, peraltro caratterizzato da un’età media molto avanzata. “Il Reparto Autostradale di Foggia - spiega Michele Carota, segretario generale provinciale del Sindacato Italiano Unitario Lavoratori di Polizia - con ripetuti e richiesti sacrifici del personale, risponde positivamente ai compiti in un contesto di sotto-organico e di servizi extra che sarebbero facilmente attuabili a pieno organico ma che, di fatto, vengono assolti puntualmente per senso di appartenenza e di identità al Reparto. Questo non può più essere tollerato: pertanto questa organizzazione sindacale ha già sensibilizzato fortemente i competenti Uffici del Dicastero nonché quelli provinciali e regionali per sollecitare un’iniezione di personale in entrata nelle future quanto imminenti previsioni di movimentazione del personale”.

“L’urgenza di personale - riprende Ciro Frisaldi, neo  eletto segretario regionale  S.I.U.L.P. per la Puglia - è dettata non solo al fine di aderire positivamente, e non con affanno, al nuovo e vigente Accordo AISCAT, sottoscritto a Gennaio 2017 tra le Parti negoziali (Società Autostrade e Ministero dell’Interno). All’interno di tale 'negozio giuridico' gli impegni di reciprocità vedono i soggetti contraenti coinvolti in una serie di compiti, da assolversi nel rispetto delle autonomie e nel raggiungimento degli obiettivi prefissati. Tutto ciò anche in vista dell’imminente avvento della stagione estiva che, come ogni anno, registra un imponente aumento del volume di traffico lungo le arterie autostradali che richiede un impegno superiore alla media da parte di personale della Polizia Autostradale di Foggia, per far fronte all’evento di esodo e controesodo estivo di utenti dell’A/14”. Il sindacato, infine, in previsione anche delle prossime assegnazioni previste al termine dei corsi di allievo agente auspica che la Sottosezione Polizia Autostradale di Foggia benefici di nuove assegnazioni di personale, cosi da poter rendere meno gravoso l’operato quotidiano delle poche pattuglie sul territorio,  e quindi dare risposte all’utenza di efficienza  più adeguata a garanzia della sicurezza e della circolazione in ambito autostradale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polizia Autostradale chiamata a sforzi e sacrifici, la denuncia del SIULP: "C'è grave carenza di organico"

FoggiaToday è in caricamento