Duplice tentato omicidio, libero l'uomo che ha sparato. L'avvocato dei fratelli feriti non ci sta: "Perplessi, ci opporremo"

Le motivazioni della sentenza del Riesame verranno depositate nelle prossime settimane, ma - precisa il legale dei fratelli Calabrese - sarebbero da ricondurre “all'insussistenza di fattori per conservare la misura cautelare"

“Impugneremo il provvedimento innanzi alla Corte di Cassazione”. L’avvocato Vincenzo Paglia, legale difensore dei fratelli Vito e Antonio Calabrese, non ha dubbi sulle azioni da intraprendere. “Ho già contattato la procura”, spiega deciso.

“Reputiamo questo provvedimento assolutamente privo di fondamento e quindi illegittimo e in violazione di legge”. Il riferimento è alla decisione del tribunale della libertà, che ha scarcerato il 78enne Benito Insalata, accusato del duplice tentato omicidio dei fratelli Calabrese. “Una disposizione che ha lasciato i miei assistiti del tutto perplessi”, continua il legale. “Non siamo intenzionati a fermarci qui”.

Le motivazioni della sentenza del Riesame verranno depositate nelle prossime settimane, ma - precisa l’avv. Paglia - sarebbero da ricondurre “all’insussistenza di fattori tali da conservare la misura cautelare. La normativa - continua il legale - prevede che per un ultrasettantacinquenne (per lo più incensurato, ndr) debbano infatti sussistere particolari esigenze che possano giustificare la misura cautelare, sia carceraria che quella meno afflittiva degli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quindi, secondo il Riesame, tali esigenze non sarebbero state sufficientemente esposte, nonostante, a parere mio, il gip del tribunale di Foggia, Domenico Zeno, ne aveva ampiamente giustificato l’emissione proprio per la pericolosità del ‘pistolero’ (come ribattezzato dai media locali) e per la possibilità di reiterazione del reato, anche e soprattutto alla luce degli aspri rapporti che sussistono tra le parti. Pertanto - conclude - è necessario impugnare l’ordinanza di annullamento e poi vedremo nelle corti superiori cosa avverrà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: rinvenuto cadavere di un uomo

  • Francesco è "grave ma stabile", altre ferite compatibili con un'arma da taglio: è caccia agli autori della violenta rapina

  • Salvini contestato a San Giovanni, replica ai fischi e al coro "scemo, scemo": "Mia figlia di 7 anni più evoluta di voi"

  • Ultima ora: violenta rapina in un bar di Foggia

  • Paura sulla Statale 16: auto con due bambini a bordo finisce fuori strada, l'incidente tra Foggia e San Severo

  • È morto Rocco Augelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento