Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Scappa dall'ospedale, raggiunge il cavalcaferrovia e minaccia di lanciarsi nel vuoto: salvato dalla polizia

 

Scappa dagli Ospedali Riuniti, sale sul cavalcaferrovia di via San Severo, a Foggia, e minaccia di suicidarsi lasciandosi cadere nel vuoto. Solo l'intervento di una pattuglia della Polizia Ferroviaria intervenuta lungo i binari della tratta ferroviaria Foggia-Lucera delle Ferrovie del Gargano, ha evitato, con non poche difficoltà, il peggio.

E' quanto è accaduto intorno alle 12 di ieri, alla periferia di Foggia. L'uomo, un 60enne straniero senza fissa dimora, era scappato dalla struttura sanitaria nella quale era ricoverato e, ancora in pigiama e ciabatte, alla vista degli uomini in divisa, si è arrampicato sul parapetto del cavalcaferrovia con l'intento di suicidarsi.

Immediato l'allarme lanciato da automobilisti e residenti della zona alle forze dell'ordine: sul posto è immediatamente giunta una pattuglia della Polfer. Mentre veniva chiesta l'interruzione della circolazione ferroviaria, uno degli agenti ha cercato di guadagnare la fiducia dell'uomo, mentre gli altri due, con l’ausilio di una guardia giurata in servizio presso il deposito delle Ferrovie del Gargano, accedevano alla linea ferroviaria, raggiungendo il soggetto alle spalle, senza che quest’ultimo se ne accorgesse, e, quindi, con un’azione rapida riuscivano a bloccarlo e a metterlo in sicurezza.

Sul posto giungeva personale sanitario del servizio 118, dopo aver riconosciuto il soggetto nel paziente che si era allontanato dal Reparto di Medicina Interna dei locali OO.RR, provvedeva a riaccompagnarlo presso la medesima struttura ospedaliera. Gli agenti attuavano nella circostanza la buona pratica “S.O.S. disagio psichico”, finalizzata a tranquillizzare la persona che fugge, riaffidarla ai familiari o educatori, cercando di evitare reiterazioni di fughe e situazioni di pericolo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento