Rapina da film a Foggia: colpo in banca, poi la fuga e l'inseguimento. Arrestati 17enne e 18enne

Arrestati poco dopo il colpo un 18enne e un minore di 17 anni, addosso al quale le forze dell'ordine hanno recuperato l'intera refurtiva: oltre 16mila euro

La conferenza stampa

E' durata una manciata di minuti la fuga dei due giovani che, ieri mattina, hanno messo a segno una rapina ai danni della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, in via Matteotti, a Foggia. Gli agenti della Squadra Mobile - Gruppo Falchi e i carabinieri del Nucleo Radiomobile, infatti, sono riusciti ad intercettare e arrestare i responsabili.

Si tratta di due giovanissimi, entrambi di Cerignola: Francesco Fasano di 18 anni, e un altro ragazzo, appena 17enne. Il fatto, lo ricordiamo, è successo intorno alle 10 del mattino, quando i due sono entrati in azione, entrambi travisati, uno dei quali armato di taglierino. Immediata la segnalazione alla Sala Operativa: sul posto, i poliziotti hanno notato due persone fuggire ed è scattato l'inseguimento. Uno dei due rapinator, durante la corsa, si è disfatto della maschera di silicone utilizzata per il colpo, dando modo ai poliziotti di vederlo in viso.

Le immagini video della rapina

All’altezza di via Normanno, i due fuggitivi hanno fatto perdere le loro tracce ma solo per pochi istanti: gli agenti hanno infatti rintracciato il giovane che poco prima si era liberato della maschera e che nel frattempo si era disfatto anche dei vestiti usati per la rapina. Alla vista dei poliziotti, ha tentato ancora una volta la fuga, ma inutilmente. A circa trenta metri dal luogo ove era stato fermato il giovane, poi identificato come Fasano, sono stati quindi recuperati abiti, maschera e cutter utilizzati per la rapina.

Non molto distante, i carabinieri - prontamente intervenuti a seguito della segnalazione - hanno intercettato e fermato l’altro giovane, minore di 17 anni. I militari hanno recuperato addosso al ragazzino, occultata sotto la giacca, tutta la refurtiva: 16.710,00 euro, un bottino molto più ricco di quanto inizialmente stimato. Tra le banconote, vi erano anche quelle “civetta” ossia banconote preventivamente segnate come prevede la procedura antirapina. Dopo gli accertamenti di rito, Fasano è stato associato al carcere di Foggia,  mentre il minore è stato accompagnato presso il carcere Minorile di Bari  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

maschera-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento