Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | "Pronti a chiudere altre strade". Sopralluogo di Landella in via Podgora. "Stamattina prime sanzioni"

Se necessario, scatteranno altre misure al Quartiere Ferrovia per impedire assembramenti. Lo ha annunciato il sindaco di Foggia che questa mattina ha verificato personalmente la situazione dopo l'ordinanza firmata ieri

 

"Siamo stati costretti a chiudere questa strada, se dovesse essere necessario chiuderemo anche altre strade nel Quartiere Ferrovia". Lo ha detto il sindaco di Foggia Franco Landella durante un sopralluogo in via Podgora, transennata e interdetta al passaggio pedonale e al traffico nel tratto da via Isonzo a via Monfalcone, in ottemperanza all'ordinanza n.92 del 13 novembre che dispone il divieto di accesso al pubblico per aree e strade maggiormente esposte al rischio di assembramenti. È stato individuato quel tratto in particolare, come si evince dal provvedimento, per la presenza di mercatini abusivi di merce usata e di negozi 'etnici' davanti ai quali si verificavano "anomale ed abnormi aggregazioni di persone".

Massiccia oggi la presenza di agenti della polizia locale. "La situazione è sotto controllo, stamattina già gli agenti della polizia locale hanno sanzionato alcuni individui che non hanno rispettato l'ordinanza sindacale bevendo davanti ai locali".

Appena scattata l'ordinanza, erano già arrivate le prime rimostranze dal Quartiere Ferrovia: "Perché non chiudere via Piave?", suggeriva un lettore di FoggiaToday considerando insoddisfacente la misura e lamentando che fossero stati chiusi solo pochi metri.

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento