Pioggia di interdittive antimafia sul Gargano: altre dieci società e aziende finiscono nel mirino della Prefettura

Grassi: “I provvedimenti hanno l’obiettivo, ora più che mai, di assicurare l'economia legale e di distogliere gli appetiti criminali verso settori che possono essere aggrediti in un momento di estrema sensibilità". Dal giugno 2019 ad oggi, sono 30 le intedittive adottate dal prefetto di Foggia

Raffaele Grassi

Come comunicato dalla Prefettura, prosegue l'azione di prevenzione sull'intero territorio della provincia di Foggia, attraverso una mirata attività di monitoraggio di imprese destinatarie di finanziamenti pubblici, nonché su attività produttive e commerciali.

Le verifiche, in  particolare - spiegano da Corso Garibaldi - hanno riguardano le imprese private che instaurano rapporti con la pubblica amministrazione e nei confronti di quelle che chiedono il rilascio di autorizzazioni comunali, licenze o iscrizioni in albi pubblici. 

In  tale  contesto,  ieri il prefetto di Foggia Raffaele Grassi ha adottato dieci interdittive antimafia nei confronti di imprese operanti nella fascia garganica. Dal giugno 2019 ad oggi sono state trenta.

L'interdittiva impedisce al privato imprenditore di essere parte nei rapporti contrattuali con la pubblica amministrazione o lo priva della possibilità di essere titolare di licenze e autorizzazioni al Comune. "I provvedimenti hanno l’obiettivo, ora più che mai, di assicurare I'economia legale e di distogliere gli appetiti criminali verso settori che possono essere aggrediti  in un momento di estrema sensibilità come quello che stiamo vivendo", il commento di Grassi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato nel comunicato della Prefettura, sono state interdette le aziende Lorenza Bove, imprenditore agricolo di San Marco in Lamis; Michele Ciociola, imprenditore agricolo di Monte Sant'Angelo, Impianti Gentile Srl, impresa edile di Mattinata; Antonio e Michele Ianno, imprese edili e movimento terra  di  San Marco in Lamis; Antonio Limosani, imprenditore agricolo di  San Marco In Lamis; Michele Mancini, imprenditore agricolo di Rignano Garganico; Annapia Martino, imprenditore agricolo di San Marco in Lamis; Pasquale Pio Martino, imprenditore agricolo di San Marco in Lamis ed Emanuele Renegaldo, attivitàcommerciale in Manfredonia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Maxi contagio da festa in famiglia. L'Asl Foggia: "Si tratta di circa la metà dei nuovi contagi in Capitanata"

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • 25 infermieri contagiati, "un vero e proprio bollettino di guerra". L'ultimo caso registrato a Foggia due giorni fa

  • Uomo sparisce nel nulla: di lui non si hanno più notizie da venerdì, era andato da Peschici a Termoli con un amico

  • Aumentano i contagi a Foggia: vietato bere all'aperto e mascherine obbligatorie tutti i giorni (anche in zona Stazione)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento