Cronaca

Foggia, operazione 'Oro rosso' contro i furti di rame: nei guai autodemolitore che ha "violato la normativa ambientale"

Durante l’operazione, impegnati 36 operatori polfer che hanno identificato 91 persone. A Foggia, veicoli e componenti erano posti su terreno sterrato, non pavimentato, in violazione delle disposizioni sulla normativa ambientale

L'attività

Blitz contro i furti di rame, nella rete dei controlli finisce anche un autodemolitore di Foggia per violazioni della normativa ambientale. E’ accaduto a Foggia, nell’ambito della terza giornata delle operazioni ‘Oro rosso’ della polizia, finalizzate a contrastare il fenomeno dei furti di rame.

Nel dettaglio, gli agenti del compartimento polizia ferroviaria per la Puglia Basilicata e Molise hanno controllato 24 siti, tra aziende che trattano la rottamazione dei metalli e depositi lungo la linea ferroviaria e su strada.

Durante l’operazione sono stati impegnati 36 operatori polfer che hanno identificato 91 persone.  Nella provincia di Foggia, nell’ambito delle verifiche ad un’attività di autodemolizione, gli agenti hanno accertato la consistente presenza di veicoli e parti di essi, posti su terreno sterrato, non pavimentato, in violazione delle disposizioni riguardanti la normativa ambientale.

Pertanto, il titolare dell’attività è stato denunciato ai sensi del codice dell’ambiente e l’area sottoposta a sequestro penale. La polizia ferroviaria, a livello nazionale, nell’ambito del contrasto ai reati riguardanti il traffico dell’oro rosso (furti, ricettazione), svolge altresì attente verifiche riguardanti il rispetto della normativa ambientale, a tutela della salute di tutti i cittadini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, operazione 'Oro rosso' contro i furti di rame: nei guai autodemolitore che ha "violato la normativa ambientale"

FoggiaToday è in caricamento