menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I controlli

I controlli

Abusivismo e bivacco, Quartiere Ferrovia ancora sotto torchio: 11 persone accompagnate in Questura

La situazione in linea generale è apparsa migliorata relativamente a forme di bivacco, di vendita abusiva o altre forme di degrado ambientale. 

Proseguono in controlli del territorio al Quartiere Ferrovia, a  Foggia. Nella giornata di ieri, agenti del Reparto Volanti, del Reparto Prevenzione Crimine, della Polizia Amministrativa, unitamente ai militari dell’Arma dei carabinieri e del personale della Polizia Municipale, hanno svolto una specifica attività nelle vie del quartiere foggiano.

La situazione in linea generale è apparsa migliorata relativamente a forme di bivacco, di vendita abusiva o altre forme di degrado ambientale. In particolare è stato rilevata la presenza in Via Podgora di un esiguo materiale di risulta abbandonato a terra che è stato immediatamente rimosso. Sotto i portici di Via Piave vi era la presenza di uno straniero che a dire degli abitanti della zona è solito stazionare lì. L’uomo veniva accompagnato in Questura dove sono emersi suo carico diversi ordini allontanamento non eseguiti ed in attesa di audizione presso la commissione territoriale per le richieste di asilo di Crotone, ove lo stesso non si è mai presentato.

Nei confronti dello stesso nell’attesa della definizione della procedura di richiesta di asilo è stato contestata la violazione al Decreto Minniti di stazionamento sul suolo pubblico, con ordine di allontanamento. Personale della Polizia Amministrativa procedeva al controllo di alcuni esercizi commerciali che risultavano regolari. Nel corso del controllo venivano accompagnati  in Questura  11 cittadini extracomunitari per la verifica della posizione  sul territorio nazionale e messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione.

Di questi, quattro sono risultati regolari, tre  regolarizzabili e quindi sono stati invitati a presentarsi all’Ufficio Immigrazione, mentre altri tre sono risultati irregolari sul territorio. Dei tre irregolari, nei confronti di due è stato emesso il decreto di espulsione con accompagnamento alla frontiera e contestuale ordine di lasciare il territorio dello Stato. Per l’ultimo irregolare si è in attesa di nulla osta della A.G. per procedere all’espulsione dal territorio nazionale, in quanto vi è un procedimento penale pendente presso la Procura di Trani. L’attività nel suo complesso ha portato all'identificazione di 86 persone, di cui 61 stranieri. Di queste 31 avevano pregiudizi di polizia. Fermati e cnotrollati 12 veicoli ed elevate 8 contestazioni al Codice della Strada. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento