rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca

Commercialista multato mentre va allo studio (di domenica), scoppia la polemica: "È un'attività considerata essenziale!"

Secondo gli agenti non sussistevano reali motivi per quello spostamento essendo domenica. Senerchia (Aidc): "I titolari di studi professionali stanno lavorando prettamente in modalità smart working, ma vi sono casi in cui è necessario andare in studio per prendere documentazione, sbloccare sistemi informatici impallati, utilizzare software particolari e altre esigenze"

È destinata a far discutere la vicenda di un commercialista foggiano, che nella giornata di ieri è stato fermato e sanzionato dagli agenti della Polizia Locale con una multa di 450 euro (per violazione del Decreto Governativo dell'8 marzo 2020) , mentre stava recandosi presso il suo studio. Secondo gli agenti, infatti, non sussistevano reali motivi per quello spostamento essendo domenica, e non trattandosi di "un'attività strettamente necessaria". A nulla sarebbero valsi i tentativi del commercialista di spiegare le sue ragioni professionali. 

"Voglio ricordare che l'attività degli studi commerciali, tributari e del lavoro non è stata interroatta dal Decreto 'Cura Italia' e da altri provvedimenti successivi del Governo; anzi, riconosciuto che i Commercialisti con il loro lavoro riescono a far incassare la gran parte delle entrate tributarie allo Stato, la loro attività è stata considerata essenziale e quindi devono tenere aperti i loro studi", precisa in una nota Giuseppe Senerchia, presidente dell'Associazione Italiana Dottori Commercialisti (Aidc) sezione di Foggia. 

"Proprio in questi giorni - prosegue Senerchia - la categoria dei commercialisti si è resa disponibile e ha agito al meglio per intercettare i ristori economici previsti dal Governo a persone e/o aziende e sta continuamente operando in tal senso a tutte le ore e anche nei giorni festivi, pur non essendo pagati dai propri clienti in questo difficile periodo di evidente mancanza di liquidità. Voglio ricordare altresì, che seppure responsabilmente i titolari di studi professionali, unitamente ai propri collaboratori, stanno lavorando prettamente in modalità smart working, vi sono casi in cui è necessario andare in studio per prendere documentazione, sbloccare sistemi informatici impallati, utilizzare software particolari e altre esigenze che non permetterebbero agli stessi di poter operare con le loro competenze e professionalità. Pertanto, per quanto sopra ricordato, vogliate comunicare ai vostri operatori in servizio che l'attività dei commercialisti non è soggetta a restrizione in quanto ritenuta dal Governo essenziale e che, in quanto professionisti, non hanno limiti di orario né di giorni festivi nell'espletamento delle loro funzioni utili al Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercialista multato mentre va allo studio (di domenica), scoppia la polemica: "È un'attività considerata essenziale!"

FoggiaToday è in caricamento