menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Cicchetteria' aperta oltre le 18 e giovani assembrati senza mascherine. Titolare aizza clienti contro la polizia: "Circondateli"

Per il fatto, il titolare del chiosco è stato sanzionato per le numerose violazioni delle norme anti Covid e denunciato alla locale Procuraper oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, oltre ad altri reati. Lo stesso è risultato recidivo

Continuava a servire 'cicchetti' e bevande ben oltre le ore 18, favorendo assembramenti di giovani, senza mascherina, in strada. Per questo motivo, il questore di Foggia ha decretato la sospensione per 3 mesi dell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande di una 'cicchetteria' nel centro cittadino.

Il provvedimento è la conseguenza degli avvenimenti verificatisi nei primi di marzo, nelle ore serali, quando nel corso di servizi finalizzati al controllo del rispetto delle  norme anti-Covid19, gli agenti hanno proceduto al controllo  del chiosco accertando che, in violazione delle norme che ne impongono la chiusura alle 18.00, venivano servite bevande,  da tre persone presenti all’interno dell’attività, favorendo, di fatto, il consumo sul posto da parte di  un nutrito gruppo di persone assembrate che, senza l’utilizzo delle mascherine e non rispettando il distanziamento, consumavano  bevande alcooliche.

Nell’occasione, il titolare della licenza, uscendo dal suo locale, senza mascherina e guanti, inveiva contro gli agenti operanti, incitando i numerosi avventori presenti,  a “circondare ed opporsi” agli operatori delle forze dell’ordine  ed a riprendere tutto con i cellulari; per ristabilire  l’ordine  e  la  sicurezza pubblica, messa in gravissimo pericolo  dal  comportamento  del predetto e di alcuni avventori, è stato necessario far confluire sul posto sette pattuglie delle Forze di Polizia presenti sul territorio.

Per il fatto, il titolare del chiosco è stato sanzionato per le numerose violazioni delle norme anti Covid e denunciato alla locale Procuraper oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, oltre ad altri reati. Lo stesso è risultato recidivo per le violazioni delle norme anti-Covid in quanto, a fine febbraio, era già stato sanzionato con la chiusura dell’attività per  giorni 5 per aver protratto oltre l’orario consentito l’apertura del proprio locale, somministrando bevande agli avventori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento