Aggredita dai vicini per una colonia felina, finisce in ospedale volontaria animalista: "Colpita in faccia con un portachiavi appuntito"

E’ accaduto questa mattina a Foggia, zona Parco San Felice. La vittima è Mihaiela Baltaretu, volontaria dell'associazione 'Guerrieri con la coda". A scatenare la lite il consueto ristoro che la donna offre ai gatti randagi che vivono in zona

Il diverbio per una colonia felina degenera in una feroce aggressione che spedisce in ospedale la volontaria animalista Mihaiela Baltaretu. E’ accaduto questa mattina a Foggia, zona Parco San Felice. La donna è ancora al Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti, dove le sono stati applicati dei punti sulla testa e sul volto, e sta compiendo tutti gli accertamenti necessari. Per picchiarla sarebbe stato utilizzato un portachiavi appuntito, sequestrato dalla Polizia.

Volontaria dell’associazione animalista ‘Guerrieri con la coda’, è stata affrontata da una famiglia – racconta- che condivide con lei ed altri vicini di casa degli spazi comuni presso i quali Mihaiela è solita lasciare cibo ed acqua per la colonia che vive in quella zona. Stavolta, però, aveva utilizzato quelli propri, spiega, “un cartoncino per far riparare i gatti dal freddo posizionato nella mia proprietà”. Ma ciò non sarebbe bastato a fermare l’ira dei vicini, che al termine di un acceso diverbio verbale, l’avrebbero aggredita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sarebbe la prima volta che la volontaria viene aggredita, dichiara, tant’è che sulla coppia autrice della violenza penderebbe già una diffida ad avvicinarla, fa sapere sempre la donna.  “Questa è la dimostrazione del degrado e della prepotenza che ormai imperversano in questa città, dove ciascuno tende a far valere la legge fisica del più forte perché non c’è nessuna norma che vieta ad un cittadino, ad un volontario, ad una associazione di fornire cibo e ristoro agli animali randagi” commenta Anna Rita Melfitani, presidente dell’associazione animalista, che accompagnerà la sua volontaria a sporgere denuncia ed ha già contattato un legale per difendere la Balteretu nelle sedi opportune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento