menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'apparecchiatura sequestrata

L'apparecchiatura sequestrata

Risulta a riposo, mentre è alla guida del suo tir: denunciato autotrasportatore 27enne

E' quanto scoperto sul tratto A14 Foggia-Poggio Imperiale grazie all'intuito degli operatori che ha permesso di scoprire un apparecchio posticcio in grado di alterare i dati registrati dal tachimetro digitala istallato sui mezzi pesanti

Alla guida di un mezzo pesante in viaggio lungo la tratta autostradale A14 Foggia-Poggio nonostante - secondo quanto registrato dal tachigrafo - risultasse “a riposo”. E’ quanto scoperto, nei giorni scorsi, dagli agenti di polizia in forza alla Sottosezione Polizia Autostradale di Foggia nell’ambito delle attività di prevenzione e repressione dei comportamenti di guida illeciti, in grado di compromettere la sicurezza degli utenti della strada.

Gli agenti hanno quindi proceduto al controllo documentale di un complesso veicolare, composto dalla motrice e dal semirimorchio. L’intuito degli operatori ha permesso di smascherare l’autotrasportatore - un 27enne pugliese - che, dall’esame documentale e tecnico, risultava essere in un periodo di riposo, mentre nella realtà dei fatti era alla guida del veicolo. Tale anomalia, risultante dalle stampe ottenute del tachigrafo digitale installato a bordo del mezzo (una sorta di scatola nera in dotazione dei mezzi pesanti) era dovuta alla manomissione, creata ad arte, dello strumento, ottenuta grazie all’applicazione di un cablaggio posticcio dotato di un interruttore on/off posto vicino al volante, ed una centralina, collocata nella parte posteriore del quadrante contachilometri, avente funzione di falsificare le registrazioni all’attività lavorativa del conducente.

Per il fatto, la polizia ha proceduto al sequestro dell’apparecchiatura, nonché alla denuncia del conducente per rimozione ed omissione dolosa di cautele contro l’infortunio sul lavoro. Inoltre è stata comminata la sanzione di 1.698.00 euro, con decurtazione di dieci punti dalla patente, ed il ritiro della stessa, per il successivo provvedimento di sospensione. L’osservanza del periodo di riposo per gli autotrasportatori, costretti a macinare km sulle direttrici autostradali, è una delle più importanti cautele per i lavoratori e gli utenti della strada. I colpi di sonno, infatti, sono tra le più frequenti cause di incidenti stradali in autostrada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento