rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non siamo untori", l'urlo di rabbia degli infermieri: "Eravamo i vostri eroi". Palloncini rossi per i colleghi uccisi dal virus

Obiettivo del flash mob che si è svolto a San Giovanni Rotondo, organizzato dal Movimento nazionale infermieri: chiedere il giusto riconoscimento per la categoria professionale che, con i medici, più si è spesa nella lotta al Coronavirus

"Eravamo i vostri eroi", "Non siamo untori", "Perchè ora?". Questi alcuni dei cartelli che i tanti infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19 portano al petto durante il flash mob pacifico e apartitico in corso a San Giovanni Rotondo, organizzato dal Movimento nazionale infermieri, in piazza dei Martiri.

Obiettivo dell'iniziativa? Chiedere il giusto riconoscimento per la categoria professionale, una di quelle che con i medici più si è spesa nella lotta al Coronavirus. Circa una 50ina gli infermieri scesi in piazza - maglietta bianca, una mascherina con la scritta infermiere e in mano un palloncino rosso in memoria dei colleghi/parenti che non ci sono più. La promotrice del flash mob a San Giovanni Rotondo, è Silvia Villani, infermiera dell’unità operativa della Geriatria a Casa Sollievo della Sofferenza.

La retorica degli eroi a noi infermieri non è mai piaciuta - spiega uno dei manifestanti - non siamo eroi, facciamo solo il nostro lavoro. Siamo dei professionisti del settore che certamente hanno messo a rischio la propria vita e quella dei propri cari, e se accettiamo la definizione di 'eroe' è perchè ci sembra doveroso, ma non sufficiente, onorare tutti quei colleghi che con abnegazione e spirito di sacrificio ci hanno rimesso la vita. Un bilancio che fa paura, anche perchè per noi l'emergenza non è finita".

"Non possiamo non ricordare tutte le vittime: per molti pazienti, noi siamo stati l'ultimo briciolo di umanità passata attraverso le nostre mani coperte da guanti, i nostri occhi offuscati da occhiali e visiere, la nostra bocca coperta dalla mascherina. E, innegabilmente, anche attraverso il nostro cuore, magari anche con qualche preghiera e benedizione. Gli operatori sanitari sono la categoria che ha visto più contagiati, ma non siamo untori. Questro non possiamo accettarlo. E' stato così facile e veloce definirci eroi, com è stato altrettanto facile passare all'accusa di essere noi stessi causa di contagio. Alle offese e alle minacce siamo abituati - conclude - ma in questa circonstanza proprio non si accettano certi atteggiamenti" | IL VIDEO

Video popolari

"Non siamo untori", l'urlo di rabbia degli infermieri: "Eravamo i vostri eroi". Palloncini rossi per i colleghi uccisi dal virus

FoggiaToday è in caricamento