Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca San Severo

Lascia in caserma un mazzo di rose con il tricolore: l'omaggio di una donna al carabiniere ucciso in Congo

Un nobile gesto alla caserma di San Severo per ricordare Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso insieme all'ambasciatore Luca Attanasio in un attentato nella Repubblica Democratica del Congo: "Ogni volta che un Carabiniere perde la vita, nell’adempimento del proprio dovere, è una ferita profonda, nel cuore degli italiani"

Nella serata di ieri, a San Severo, nel corso della cerimonia dell’ammaina bandiera, con le bandiere a mezz’asta per la tragedia occorsa all’ambasciatore Luca Attanasio ed al Carabiniere Vittorio Iacovacci, il militare di servizio alla caserma è stato avvicinato da una donna che, con le lacrime agli occhi, gli ha consegnato un mazzo di rose cinto da un nastro tricolore. Il Carabiniere, sorpreso dal gesto, poiché pensava che la donna fosse entrata in Caserma per sporgere una denuncia o per chiedere informazioni, ha cercato di chiederle chi fosse ma la stessa, commossa, gli ha risposto semplicemente con un “Grazie” e, con le lacrime agli occhi, ha guadagnato la via d’uscita della Caserma.

A nulla è valsa l’insistenza del Carabiniere di conoscere l’identità della donna che, senza neanche voltarsi, è sparita dalla sua vista. Dopo qualche secondo il giovane Carabiniere, ancora disorientato per il nobile gesto della sconosciuta, ha notato all’interno del mazzo di fiori un biglietto manoscritto riportante la seguente dedica “Ogni volta che un Carabiniere perde la vita, nell’adempimento del proprio dovere, è una ferita profonda, nel cuore degli italiani. Condoglianze alla famiglia e condoglianze alla grande famiglia dell’Arma dei Carabinieri”. Fiero e orgoglioso per l’attestazione di solidarietà e vicinanza d’animo espressa dalla donna e dalla comunità per gli uomini della Benemerita, a fatica il militare riusciva a trattenere le lacrime, riportando immediatamente il suo pensiero al giovane collega e all’ambasciatore uccisi nel vile agguato durante l’adempimento del proprio dovere.

È un gesto commovente e ricco di significati, che manifesta la forte vicinanza e riconoscenza dell’intera comunità sanseverese ai Carabinieri, ben comprendendone i rischi e i sacrifici quotidiani di ciascun suo appartenente, ai quali hanno inteso rinnovare tutta la loro dedizione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lascia in caserma un mazzo di rose con il tricolore: l'omaggio di una donna al carabiniere ucciso in Congo

FoggiaToday è in caricamento