Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Centro - Università / Piazza Camillo Benso Cavour

Foggia, scarpe e sciarpe rosse nella fiaccolata contro la violenza sulle donne

Donne, uomini e bambini hanno preso parte alla fiaccolata organizzata in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, che ha attraversato le principali vie del centro

Scarpe e sciarpe rosse, cerotti neri incrociati sulle labbra, performance musicale con reading e flash mob. Così donne, uomini e bambini, ieri pomeriggio hanno partecipato alla fiaccolata organizzata in occasione della giornata mondiale contro la violenza delle donne, che con partenza da piazza Cavour,  ha attraversato le principali vie del centro.

“Grazie a tutti, è stata una serata bella e discreta nei toni. Tante belle persone con eventi e letture che ci hanno fatto riflettere ancora una volta su questa orribile violazione dei diritti umani” ha detto Rita Saraò, coordinatrice della Rete delle Donne e tra le promotrici dell’evento.

Foggia, fiaccolata contro il Femminicidio: foto di Roberto D'Agostino

Nell’ambito della giornata mondiale contro la violenza sulle donne questa mattina, presso l’auditorium Amgas, si è tenuta l’iniziativa “Esci dall’ombra: percorso di educazione alla relazione e all’affettività” organizzata dall’Ambito territoriale del capoluogo in collaborazione con l’associazione 'Donne Insieme' del punto di ascolto del centro antiviolenza del Comune, l’associazione di volontariato 'Donne in Rete', le associazioni del terzo settore e le organizzazioni sindacali.

Ad aprire l’incontro, che ha visto la presenza di centinaia di ragazzi di alcune scuole di Foggia e provincia, è stato il sindaco Gianni Mongelli. “La giornata di oggi è una condanna a tutti i generi di violenza che le donne subiscono quotidianamente, un percorso di esplorazione e di conoscenza per far capire ai giovani che è importante imparare il rispetto verso le donne”.

All’evento hanno partecipato Lucia Onorati per l’ufficio Scolastico regionale di Foggia, Carla Costantino della Cisl, in rappresentanza anche degli altri sindacati. A parlare di pregiudizio e discriminazione, come forma di violenza verso le diversità, è stata la psicologa-psicoterapeuta Tiziana Carella, consulente Agedo e UPM.

E tra l’intervento della psicologa del centro anti violenza, Jolanda Vivoli, e la coordinatrice del punto d’ascolto Lara Vinciguerra, Rosa D’Onofrio ha dato vita a un reading letterario. Apprezzato anche l’intervento della responsabile della casa editrice Mamme o line, Donatella Caione, che ha fatto conoscere il libro “Chiamarlo amore non si può” in cui 23 scrittrici che parlano di violenza sulle donne, tra cui la foggiana Luisa Staffieri.

“Devo ringraziare gli studenti che hanno seguito questa giornata di incontro con particolare attenzione, così come tutte le associazioni ed organizzazioni che hanno voluto dare un supporto alla realizzazione di questa manifestazione”, ha sottolineato l’assessore alle Politiche Sociali, Pasquale Pellegrino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, scarpe e sciarpe rosse nella fiaccolata contro la violenza sulle donne

FoggiaToday è in caricamento