Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Femminicidio a Cerignola, Angelo Di Meo era "confuso ma per niente lucido". Al suo avvocato: "Nunzia è morta?"

A quasi 24 ore dall'omicidio di Nunzia Compierchio, parla l'avvocato del presunto omicida Angelo Di Meo

 

Forse un raptus di gelosia, il movente che avrebbe spinto Angelo Di Meo a fare fuoco almeno 3 volte contro la moglie, Nunzia Compierchio. I due, già da tempo erano in rottura, anche se non risulta alcuna causa di separazione né di divorzio.

Attriti e tensioni che avrebbero portato, intorno alle 14 di ieri, a fare fuoco nei confronti di Nunzia Compierchio, ferendola a morte. Nelle ore successive l'imputato è stato ascoltato dal Pubblico Ministero, con il quale si è rifiutato di rispondere mentre, al suo avvocato, Gianluca Pignataro di Cerignola, il Di Meo ha chiesto se la moglie fosse deceduta. 

Già con problemi di tossicodipendenza e di salute mentale, fu ospite ai CIM (centro di salute mentale) di Manfredonia e Cerignola. "Nelle ore successive all'omicidio, il mio assistito era molto confuso ma per niente lucido", spiega ai microfoni di FoggiaToday l'avvocato Pignataro | IL VIDEO 

VIDEO - Apre il fuoco e uccide donna a Cerignola, ex marito portato in commissariato: le immagini sul luogo dell'omicidio 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento