Il 2012 tutto d’un fiato: dall’omicidio di Giosuè Rizzi all’emergenza rifiuti

E' stato anche l'anno delle bombe, del fallimento dell'U.S. Foggia, delle morti di Lucio Dalla e Franco Mancini, degli incidenti stradali sulla Statale 16 e della riapertura della Cattedrale

Ritrovamento Cosimo Salvemini

Se il 2011 è salito alla ribalta delle cronache locali per il numero degli omicidi compiuti e per l’ultimo posto occupato dalla provincia di Foggia nella classifica de “Il Sole 24 Ore” sulla qualità della vita, il 2012 sarà ricordato per i rifiuti accatastati ai piedi dei cassonetti durante le festività natalizie.

Incidenti stradali, omicidi, estorsioni, rapine, agguati, attentati, scippi, assalti, furti etc etc…, rendono bene l’idea di come anche quest’anno la Capitanata non si sia fatta mancare niente. Detto ciò, che si sarebbe trattato di un altro anno complicato lo si era capito la notte di Capodanno quando in via Portogallo una forte esplosione provocò danni ingenti alla sede di Equitalia.

GIOSUE’ RIZZI | Trascorsa l’Epifania e in uno stato di calma apparente, la notizia delle notizie era di lì ad arrivare. E’ un martedì mattina e in via Napoli sembra un giorno come tanti altri, ma è nel silenzio di quei minuti che si consuma l’omicidio degli omicidi, quello di Giosuè Rizzi, il boss della “Strage del circolo Bacardi” o semplicemente “Il Papa” - come amava definirlo Salvatore Annacondia - protagonista indiscusso delle guerre di mafia che hanno contrassegnato in 25 anni la storia della “Società” foggiana.

giosuè rizzi-5

Un’esecuzione in perfetto stile mafioso, in un orario di punta e in una delle arterie più trafficate, nei confronti di quel 60enne che in carcere aveva trovato il riscatto nella pittura e che – come dirà qualche mese dopo Fabbrocini – “Quando entrava in un negozio doveva solo presentarsi per avere uno sconto sul giubbotto".

Due settimane dopo l’uccisione di Rizzi la Capitanata viene investita da abbondanti nevicate che costringono persino Mongelli ad ordinare la chiusura delle scuole. I giorni trascorrono lenti e i fiocchi bianchi continuano a cadere creando notevoli disagi soprattutto sul subappennino dauno e in alcuni paesi del Gargano.

LUCIO DALLA | Passata la bufera di neve, come un fulmine a ciel sereno le agenzie di stampa battono la notizia della morte di Lucio Dalla, il cantautore bolognese che cantò l’amore per le Tremiti, la sua seconda casa.

lusio_original-2

Dalla viene trovato morto in una stanza d’albergo a Montreaux, stroncato da un infarto a 69 anni. L’autore di “Come è profondo il mare” e di “4 marzo 1943”, andrà via senza far rumore, tra lo sconcerto generale dei colleghi, dei fan e di chi, soltanto dieci mesi prima, lo aveva visto a Termoli rendere testimonianza del suo profondo amore per il Gargano, nella manifestazione organizzata contro le trivellazioni nel mare Adriatico.

FRANCO MANCINI | Nemmeno il tempo di metabolizzare la scomparsa del folletto della musica italiana, che nel pomeriggio del 30 marzo da Pescara giunge la triste notizia della morte di Franco Mancini, il portiere che fece grande il Foggia disputando nove stagioni con la casacca rossonera dalla C alla A. Non uno qualunque, ma il numero 1 di Zemanlandia, protagonista della favola rossonera che fece il giro del mondo ed entrò di diritto nella top ten dei miracoli calcistici di tutti i tempi.

Mancio e Foggia non si erano mai divisi, nonostante le tre stagioni del portiere materano al Bari. Anzi, i rapporti con la città si erano consolidati grazie alla sua passione per la batteria e per la musica reggae (tre settimane prima con un gruppo di amici si era esibito in un pub del capoluogo dauno) e grazie a Zeman che lo aveva portato come secondo a Foggia durante l’esperienza nel campionato di C, quello di Sau e Insigne. Qualche mese dopo morirà anche Cosimo Nocera, il bomber di Secondigliano che stregò Mimì Rosa Rosa con la sua fajola.

STATALE 16 | Ma il 2012 verrà ricordato soprattutto per il numero degli incidenti stradali avvenuti sulla Statale 16, ribattezzata la strada della morte. fabio cardillo-3

Pericolosa arteria dove l’11 dicembre ha perso la vita Fabio Cardillo, 31enne di San Severo laureato in Economia e allenatore della New Volley Son’s di Torremaggiore, e dove il  2 settembre, dopo un violento frontale, morirono Marco Zuccarino e Anna Pia Stefania, entrambi di Apricena.

Per fermare la mattanza – così come richiesto da Bruno Maizzi - a Palazzo Dogana si discute della necessità di raddoppiare la SS16 e di deviare il traffico dei mezzi pesanti in autostrada. Sul finire dell’anno si proporrà semplicemente di allargarla di 12,5 metri.

U.S. FOGGIA | Ma a tenere banco in città è soprattutto la vicenda dell’U.S. Foggia. Dopo mesi e mesi di promesse, speranze e trattative, in una calda giornata di luglio la società di Casillo non si iscriverà al campionato di Lega Pro, nonostante i tentativi di Umberto Stranieri, del costruttore ligure Pedemonte, di Esposito, di alcuni imprenditori locali e di Silvia Garritano, di acquistare l’U.S. Nascono varie forme di azionariato popolare, ma Mongelli prende in mano la situazione, avvia e modera una serie di trattative.

Ci provano Macchiarola e Vaccariello, ma non c’è più tempo da perdere. Servono garanzie economiche sufficienti a garantire quantomeno l’iscrizione al campionato di serie D. Garanzie che si concretizzano il 4 agosto, quando nel corso di una conferenza stampa Davide Pelusi conferma di aver provveduto a versare un bonifico di 200mila euro. Sarà lui il presidente della neonata ACD Foggia Calcio.

DIMISSIONI MONGELLI | Ma a Palazzo di Città le cose non vanno meglio. Il fallimento dell’U.S. Foggia coincide infatti con le dimissioni di Gianni Mongelli formalizzate nella tarda e calda mattinata di venerdì 17 luglio, nel giorno in cui i lavoratori della Foggia Servizi fanno irruzione e occupano il suo ufficio: “Emblematico è quanto accaduto proprio questa mattina a Palazzo di Città, con l'occupazione prima del mio ufficio e poi della Sala Giunta da parte dei lavoratori della Foggia Servizi: testimonianza anche del progressivo isolamento istituzionale in cui il sindaco si trova ad affrontare vertenze sociali sempre più drammatiche” scriverà Mongelli.

Due settimane dopo, con qualche giorno d’anticipo rispetto al termine ultimo di scadenza, il primo cittadino ci ripensa e decide di ritornare al suo posto promettendo di impegnarsi per portare a termine il mandato e gli impegni assunti con gli elettori. Ma per il sindaco e l’amministrazione comunale il peggio deve ancora arrivare.

COSIMO SALVEMINI | Dopo le dimissioni del primo cittadino, dal capoluogo dauno l’attenzione dei media si sposta immediatamente a Manfredonia, dove da alcuni giorni non si hanno più notizie di Cosimo Salvemini. Scartata l’ipotesi di un allontanamento volontario, si teme subito al peggio.

Dopo mesi e mesi di indagini e pochi giorni dopo gli arresti dei presunti esecutori dell’omicidio di Matteo Di Bari  (il 59enne manfredoniano barbaramente ucciso in un garage di via Barletta), il 10 dicembre i resti del povero 21enne vengono trovati in località Amendola.

LA CATTEDRALE | Ma il 23 ottobre, dopo sette anni, Foggia riabbraccia la sua Cattedrale e accoglie il ritorno dell’Iconavetere. E’ un’esplosione di gioia che viene vista dai più come uno scatto d’orgoglio di una città alla deriva, calpestata nei diritti e nei doveri, martoriata dai debiti, presa a schiaffi dal degrado e dall’inciviltà.

La riapertura del più importante tempio religioso del capoluogo è un evento che segna una rinascita, in attesa di "di un'altra risurrezione: quella sociale, economica e culturale, assolutamente necessaria, per la città" affermerà Mons. Tamburrino.

LE BOMBE | Altro che rinascita, in città non c’è pace. In una fredda sera di novembre torna l’incubo delle bombe.  In via Fania salta in aria un negozio gestito da cinesi, poi qualche giorno dopo finiscono in manette alcune persone ritenute responsabili degli attentati a ‘Tricot’ e a ‘Carmelina 13’.

Gli arresti però non spaventano e non fermano i bombaroli, che il 22 novembre tornano a colpire nel cuore della notte.

E’ appena passata l’una quando un forte boato scuote gli abitanti del centro-stazione, molti dei quali si riversano in strada per la paura. Una bomba è appena esplosa davanti al Bibop, negozio d’abbigliamento sito lungo il viale della stazione al civico 44.

Alla stessa ora dell’8 dicembre un ordigno distrugge la saracinesca del circolo ASI in piazza Sant’Eligio.

AMICA E I RIFIUTI | Il rumore degli ordigni e la paura delle bombe diventano un lontano ricordo quando il 14 dicembre i lavoratori delle fallite Amica e Daunia Ambiente, riuniti in un concitato referendum, contrariamente a quanto sottoscritto 24 ore prima a Bari dai sindacati, dicono “no” all’accordo con Amiu.

Un colpo di coda finale drammatico di una vicenda cominciata il 3 luglio con il fallimento di Amica e che alla vigilia della scadenza dell’esercizio provvisorio fissata al 15 dicembre, si rivela una doccia ghiacciata per il Comune, ormai proiettato verso l’accordo definitivo con l’azienda barese.

Mongelli le prova tutte per tamponare il rischio di un’emergenza igienico-sanitaria. I lavoratori provano a tornare sui loro passi sconfessando con un altro referendum la decisione presa il 14 dicembre in Corso del Mezzogiorno. Ma non basta.

rifiuti 26 dicembre 2012-3

Mentre i dipendenti occupano Corso Garibaldi, Foggia è già invasa dall’immondizia. Il 18 arrivano i mezzi della SIA di Cerignola e dell’ASE di Manfredonia, soluzione che servirà soltanto a contenere l’emergenza, ma non a liberare la città dalla morsa dei rifiuti.

Il sindaco invita la gente a ridurre il conferimento dell’immondizia, ma esplode la rabbia dei cittadini. Dodici lavoratori di Amica, tra cui il segretario della Fiadel, denunciano Mongelli, Grandaliano, De Biase e Gentile. Intimiditi, gli operatori Sia e Ase abbandonano il servizio di raccolta mentre in strada bruciano oltre 100 cassonetti.

tre-2

Non c’è più tempo da perdere. La sera del 27 dicembre, a Bari, i sindacati e l’Amiu firmano nuovamente l’accordo che prevede tra gli altri l’assunzione dei 355 dipendenti. E’ la fine di un incubo, ma sarà ugualmente un Capodanno tra i rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento