Cronaca

Dal ritorno del Foggia in B all'omicidio Maiellaro: si chiude aprile, un mese di lacrime di gioia e dolore

Otto incidenti mortali e dieci vittime. Il Foggia festeggia il ritorno in serie B, muore Stefano Fumarulo, a Torremaggiore viene ucciso Pasquale Maiellaro. Foggia e Ascoli Satriano piangono la morte di Luigi Pompa

L'immagine copertina del mese di aprile 2017

Tanta gioia ma anche tante lacrime versate, nel mese che ci siamo da poco lasciati alle spalle. Aprile verrà ricordato come il mese della rinascita del Foggia, del senso di rivalsa nei confronti della cattiva sorte (dopo 19 anni di tribolazioni, ansie, paure, sogni infranti e delusioni). Da Fondi a piazza Cavour il ritorno in serie B è stato magico: che festa, quante emozioni.

A piangere però è stato il calcio dilettantistico: la morte di Luigi Pompa, portiere dell’Ascoli Satriano, ha scosso un’intera provincia. Il 26enne se n’è andato via in un tragico incidente stradale mentre con la sua moto percorreva la Mattinata-Manfredonia insieme alla sua Ilenia, viva per miracolo. Il mese scorso purtroppo, verrà ricordato anche per le vittime della strada: ben dieci in otto sinistri mortali.

Tra le altre notizie di rilievo, le aggressioni agli agenti della penitenziaria del carcere di Foggia, la quarta edizione di Libando, le primarie del Partito Democratico, il ricovero agli Ospedali Riuniti di Michele Emiliano, la polemica sul rischio dissesto a Palazzo di Città, la promozione del Cerignola in serie D, l’atto intimidatorio al sindaco di Apricena e la spruzzatina di neve del 20 aprile sul Gargano e i Monti Dauni (LEGGI LE NOTIZIE PIU’ IMPORTANTI)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal ritorno del Foggia in B all'omicidio Maiellaro: si chiude aprile, un mese di lacrime di gioia e dolore

FoggiaToday è in caricamento