Strani rumori e misteriose presenze nel Castello. Sindaco corre ai ripari: ad Ascoli Satriano arrivano i 'Ghostbusters'

Lo annuncia il sindaco, Vincenzo Sarcone: "Verrà dato incarico ad esperti specializzati nel rilievo di fenomeni paranormali"

Il castello ducale

Strane 'presenze' e fenomeni paranormali al Castello Ducale di Ascoli Satriano, il Comune chiama i 'Ghost busters'. Lo annuncia il sindaco, Vincenzo Sarcone: "Verrà dato incarico ad esperti specializzati nel rilievo di fenomeni paranormali".

"Non era mai successo negli anni passati. Nel maniero dei Duchi Marulli gli operai, impegnati nei lavori di restauro, hanno continuato ad avvertire presenze misteriose e paranormali", racconta il primo cittadino. "Pertanto abbiamo deciso di dare incarico ad una associazione specializzata di Napoli affinché venga realizzato un video divulgativo sulla storia del sito, sulle eventuali presenze di attività paranormali che si manifestano in esso e i collegamenti storici ed esoterici del sito in oggetto".

"A termine dei lavori di restauro dei sotterranei e degli spazi riportati alla luce dopo secoli di buio, verrà organizzato un tour tutto dedicato al Castello Ducale di Ascoli Satriano. Si tratta di un percorso in cui ai visitatori, accompagnati da esperti di alchimia ed esoterismo, verranno svelati i segreti celati dalle prigioni e dalla sala delle torture, ed anche gli oscuri misteri legati alla antica porta ogivala murata dal Conte Nicola Sabrano".

"Il nostro Castello da sempre è considerato un luogo intriso di misteri alchemici che ruotano intorno al personaggio più esaltante ma anche scioccante del XIV sec. d. C.: Nicola Sabrano". La famiglia nobile de Sabran (italianizzato di Sabrano) proveniva dalla Francia. Il primo della famiglia de Sabran o di Sabrano era Luigi, conte di Ascoli per matrimonio, quando sposò la contessa di Ascoli Maria da Marzano figlia ed erede di Riccardo, conte d'Ascoli, e di Margherita d'Aquino, contessa d'Ascoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Conte Nicola ancora oggi incute timore poiché, oltre ad aver ucciso nel maggio del 1347 tutti i notabili ascolani, era considerato pure un alchimista diabolico che faceva rapire dei poveri disperati i cui corpi servivano per i suoi turpi esperimenti. "Entrando nelle stanze del Castello, recentemente riportate alla luce dopo secoli, la prima impressione è quella di trovarsi in un luogo angoscioso carico di pathos", conclide Sarcone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento