Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Carpino / Sp 3

Carlantino: Sp 3 tra fango e detriti. Provincia: "Non ci sono fondi"

Disagi per i lavoratori e gli studenti che si spostano a Lucera e a Campobasso. Poche gocce di pioggia creano il panico su 5 km di strada. D'Amelio: "Dalla provincia mi dicono che non ci sono fondi"

Spesso due gocce d’acqua scatenano l’inferno. Quasi sempre la pioggia che si abbatte sulla Sp 3Macchia delle Forche – Carlantino” mette a rischio l’incolumità dei passanti.  “Siamo al limite della sopportazione, non possiamo rischiare la vita ogni volta che cadono due gocce d’acqua”. Sono le parole dure del sindaco Dino D’Amelio.

Non sono poche le lamentele e le denunce dei cittadini sul grave pericolo che crea il fango scivoloso sull’arteria che collega il comune della diga di Occhito a quello confinante di Celenza Valfortore. Disagi per i coloro che si spostano per lavoro e per gli autobus che trasportano gli studenti a Lucera e a Campobasso. Cinque chilometri di strada caratterizzati dalla presenza di fango e detriti riversati sistematicamente sulla carreggiata da poche gocce di pioggia.

"Un mese fa – ricorda D’Amelio – un violento nubifragio ha causato la chiusura della strada provinciale isolando di fatto Carlantino. L’intervento dei tecnici è servito a ripristinare la circolazione, ma il fango si trova ai lati delle carreggiate o riversato nelle cunette."

Ho telefonato più volte ai tecnici dell’Assessorato ai Lavori Pubblici della Provincia di Foggia ed ho inviato diversi fax allo stesso ente provinciale per chiedere interventi immediati – ha proseguito D’Amelio – le risposte sono state negative perché, a loro dire, non ci sono fondi. Eppure – ha concluso il sindaco - servirebbero interventi minimi che richiedono pochi soldi per mettere in sicurezza non solo la strada ma soprattutto l’incolumità dei miei concittadini che ogni giorno devono augurarsi che non venga a piovere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carlantino: Sp 3 tra fango e detriti. Provincia: "Non ci sono fondi"

FoggiaToday è in caricamento