Container via San Severo, si volta pagina: 38 famiglie stipulano contratti con Enel

Al via i lavori. Garantita l'illuminazione del campo con rifacimento del tracciato elettrico. Distribuiti pasti caldi alla popolazione residente l'installazione di alcuni fari di notevole potenza all'esterno

Famiglie di via San Severo

Sono cominciati ieri e procedono a ritmo spedito i lavori di rifacimento del tracciato elettrico del campo di via San Severo. Gli interventi, disposti dal Comune di Foggia, riguarderanno l’intera area che ospita i container. Ciascuna unità abitativa avrà un suo autonomo contatore. Al momento sono già 38 le famiglie che hanno stipulato con l’Enel un contratto per la fornitura di energia elettrica, in modo da potersi allacciare regolarmente all’impianto. Un numero, quello dei contratti, che alla luce delle richieste inoltrate all’Enel è destinato verosimilmente a salire nelle prossime ore.

A vigilare sull’andamento dei lavori, che proseguiranno anche domenica, proprio per accelerare il più possibile i tempi di completamento, l’assessore comunale Francesco Morese, che dopo le tensioni dei giorni scorsi ha seguito, su delega del sindaco Franco Landella, l’evolversi della vicenda ed ha fatto visita più volte al campo per confermare la linea dell’Amministrazione comunale e per garantire il rispetto degli impegni assunti dall’Ente di Palazzo di Città.

Così Franco Landella: «Eravamo nella condizione di realizzare nuovamente il tracciato elettrico del campo da tempo, ben prima che l’Enel sospendesse l’erogazione dell’energia. Purtroppo le fortissime resistenze dei residenti ci avevano impedito di far partire i lavori. Avevamo detto con chiarezza che il Comune era pronto a fare la sua parte, a patto che la posizione delle famiglie con l’Enel fosse regolarizzata. Non appena i lavori saranno conclusi il campo sarà di nuovo dotato di energia elettrica. Il Comune di Foggia, dunque, non pagherà i consumi, che saranno direttamente a carico dei residenti».

La durata dei lavori è stimata in circa 10 giorni. Circostanza che ha portato nelle ultime ore l’Amministrazione comunale a valutare forme di sostegno soprattutto per i minori del campo. Da ieri, infatti, al campo è presente una tenda della Croce Rossa Italiana, all’interno della quale vengono distribuiti ai minori pasti caldi da parte dell’assessorato comunale alle Politiche Sociali.

Contestualmente, l’Amministrazione comunale ha garantito l’illuminazione del campo montando all’esterno alcuni fari di notevole potenza. Il Comune di Foggia ha inoltre avanzato ufficialmente la proposta di spostare temporaneamente – fino alla conclusione dei lavori – i minori e le loro madri in alcune case famiglia dislocate in diversi centri della provincia. Una proposta, quest’ultima, che i residenti hanno rifiutato, dicendosi in grado di affrontare in autonomia la fase di assenza di energia fino al completamento del tracciato elettrico.

L’assessore Morese aggiunge: “Una misura che avevamo immaginato, con il prezioso contributo dell’assessore alle Politiche Sociali, Erminia Roberto, al fine di garantire il massimo delle tutele ai numerosi bambini del campo. Siamo intenzionati a fare tutto ciò che è nelle nostre competenze e nelle nostre possibilità, consapevoli della delicatezza della situazione.

Gli fa eco il primo cittadino: “La nostra volontà di occuparci del problema non è mai venuta meno. Abbiamo sempre affermato, però, che il ripristino delle regole e della legalità, ponendo fine sia agli allacci abusivi sia alla richiesta che fosse il Comune a pagare i consumi, rappresentava la condizione fondamentale per attivare questo percorso. Da questo punto di vista, resta in campo anche l’installazione di pannelli fotovoltaici utili a portare nella media il costo dell’energia, evitando così che l’inevitabile utilizzo di convettori di calore da parte dei residenti dei container determini bollette dal costo insostenibile”.

Landella conclude: “Credo che il risultato al quale siamo giunti, visti i numerosissimi contratti stipulati con l’Enel dai residenti, sia un segnale importante nella direzione dell’affermazione delle regole e della legalità. Valori che intendiamo continuare ad assicurare in tutti i settori della vita amministrativa, senza lasciarci in alcun modo condizionare da violenze e proteste. Proprio per questo ribadisco la nostra ferma condanna dei gravi episodi che si sono verificati nei giorni scorsi, esprimendo nel contempo un ringraziamento agli altri livelli istituzionali, a cominciare dal Prefetto Luisa Latella, dal Questore Piernicola Silvis e dal dirigente della Digos Antonio D’Introno, che hanno gestito al nostro fianco i momenti di fortissima tensione che la città ha vissuto. Un grazie particolare va infine all’assessore Morese, che con sacrificio ed impegno si è dedicato alla ricerca delle soluzioni utili a coniugare la difesa della legalità con la solidarietà nei confronti di residenti del campo di via San Severo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento