Occhio elettronico di ‘Pietra’ incastra conducente: il talloncino della revisione era falso

Il conducente, che ha subito una sanzione pesante e il sequestro del veicolo, si è giustificato sostenendo che al momento dell’acquisto dell’auto usata aveva ritenuto quella revisione valida

Immagine d'archivio

Il nuovo sistema elettronico di lettura targhe comincia a dare i suoi frutti: la Polizia Locale di Pietramontecorvino, guidata dal Tenente Luca Leccisotti, durante il pattugliamento per il controllo del territorio - unitamente all’uso del dispositivo informatico in dotazione al locale comando -  ha rilevato una vettura priva della revisione obbligatoria.

Il conducente del veicolo ha esibito la carta di circolazione nella quale sembrava regolarmente applicato un tagliandino relativo alla revisione effettuata con esito regolare. Il talloncino risultava apparentemente conforme a quelli originali. In ogni caso, l’ufficiale di polizia giudiziaria operante, ha voluto approfondire il controllo, accertando che la presunta revisione era falsa.

Attivati controlli incrociati tra motorizzazione, officine di revisione e concessionarie di autoveicoli, è emerso uno scenario complesso dove l’indagine per risalire ai falsari è tuttora in corso e tenuta in stretto riserbo dagli inquirenti. “Fate attenzione quando acquistate un veicolo usato e soprattutto verificate che sia i documenti di circolazione e sia il numero di telaio non siano stati contraffatti o modificati” suggerisce il Ten. Luca Leccisotti, comandante della Polizia Locale di Pietramontecorvino.

La carta di circolazione è stata posta sotto sequestro ed il veicolo sospeso dalla circolazione. Stangata di sanzioni per il conducente che, a suo dire, avrebbe acquistato l’autovettura usata e che, in buona fede, avrebbe ritenuto quella revisione valida al momento della compravendita.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

  • Ultim'ora | Shock in via Tiro a Segno, a Cerignola: auto investe sei adolescenti, due sono gravissimi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento