Occhio elettronico di ‘Pietra’ incastra conducente: il talloncino della revisione era falso

Il conducente, che ha subito una sanzione pesante e il sequestro del veicolo, si è giustificato sostenendo che al momento dell’acquisto dell’auto usata aveva ritenuto quella revisione valida

Immagine d'archivio

Il nuovo sistema elettronico di lettura targhe comincia a dare i suoi frutti: la Polizia Locale di Pietramontecorvino, guidata dal Tenente Luca Leccisotti, durante il pattugliamento per il controllo del territorio - unitamente all’uso del dispositivo informatico in dotazione al locale comando -  ha rilevato una vettura priva della revisione obbligatoria.

Il conducente del veicolo ha esibito la carta di circolazione nella quale sembrava regolarmente applicato un tagliandino relativo alla revisione effettuata con esito regolare. Il talloncino risultava apparentemente conforme a quelli originali. In ogni caso, l’ufficiale di polizia giudiziaria operante, ha voluto approfondire il controllo, accertando che la presunta revisione era falsa.

Attivati controlli incrociati tra motorizzazione, officine di revisione e concessionarie di autoveicoli, è emerso uno scenario complesso dove l’indagine per risalire ai falsari è tuttora in corso e tenuta in stretto riserbo dagli inquirenti. “Fate attenzione quando acquistate un veicolo usato e soprattutto verificate che sia i documenti di circolazione e sia il numero di telaio non siano stati contraffatti o modificati” suggerisce il Ten. Luca Leccisotti, comandante della Polizia Locale di Pietramontecorvino.

La carta di circolazione è stata posta sotto sequestro ed il veicolo sospeso dalla circolazione. Stangata di sanzioni per il conducente che, a suo dire, avrebbe acquistato l’autovettura usata e che, in buona fede, avrebbe ritenuto quella revisione valida al momento della compravendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento