menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Guardia di Finanza

Guardia di Finanza

“Zero spaccato”: evasione fiscale nel foggiano, denunciati imprenditori

In cinque anni due titolari di ditte vitivinicole hanno occultato ricavi per 18 milioni di euro ed evaso Iva per 3, 5 milioni. Sono stati denunciati per il reato di dichiarazione fraudolenta

Blitz della Guardia di Finanza di Foggia nell’operazione denominata “Zero spaccato”, nome che indica lo stratagemma truffaldino posto in essere da due imprenditori di aziende vitivinicole scoperto dai finanzieri di Capitanata.

VIDEO OPERAZIONE "ZERO SPACCATO"

IL CASO – I titolari delle due ditte inviavano regolarmente le fatture ai propri clienti, ma sulle copie che registravano in contabilità - apparentemente tenuta in maniera perfetta - “spaccavano”, ovvero troncavano, l’ultima cifra “0“ dell’importo del ricavo, che risultava, così, pari al solo 10% di quello reale.

Grazie a questo comportamento fraudolento, in 5 anni, dal 2006 al 2010, hanno occultato ricavi per circa 18 milioni di euro ed evaso iva per un importo di oltre 3,5 milioni di euro, sottraendo allo stato risorse da destinare a servizi pubblici, i cui costi sono stati sostenuti dai contribuenti che pagano regolarmente le imposte.

I due imprenditori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Foggia per il reato di dichiarazione fraudolenta, che prevede da un anno e sei mesi a sei anni di reclusione.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento