Evade i domiciliari, si reca in commissariato e sorprende tutti: "Voglio andare in carcere"

E' successo a Cerignola, dove un 49enne poteva uscire soltanto dalle 10 alle 12 del mattino. Nel primo pomeriggio si è recato presso il commissariato di polizia chiedendo di essere arrestato

Commissariato di polizia a Cerignola

I motivi sono sconosciuti ma la richiesta è di quelle assurde, non per il 49enne di Cerignola che il 29 luglio si è presentato in commissariato appena dopo pranzo, evadendo i domiciliari, chiedendo di essere trasferito in carcere.

Sottoposto agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, ha chiesto espressamente di essere condotto in carcere, mettendo gli agenti di fronte al fatto compiuto. Infatti era autorizzato ad uscire dall’abitazione solo dalle 10 alle 12.. 

Immediatamente veniva tratto in arresto per il reato di evasione e su disposizione del pm di turno condotto presso la casa circondariale di Foggia.

In sede di udienza di convalida dell’arresto gli è stata applicata la misura cautelare della custodia cautelare in carcere per le reiterate violazioni della misura degli arresti domiciliari. è

Due giorni dopo, nel pomeriggio del 31 luglio, è stato tratto in arresto un 47enne in esecuzione di provvedimento di aggravamento della misura degli arresti domiciliari, emesso dal Tribunale di Foggia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stesso, invero, mentre era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per il reato di maltrattamenti in famiglia, si rendeva responsabile di reiterate violazioni degli obblighi derivanti dalla stessa, per cui veniva opportunamente segnalato da personale del Commissariato di P.S. di Cerignola alla Autorità Giudiziaria che gli aveva concesso il beneficio degli arresti domiciliari, che provvedeva a revocare la citata misura, disponendo l’applicazione della più grave misura della custodia cautelare in carcere. Dopo le formalità di rito, veniva associato alla Casa Circondariale di Foggia, a disposizione della competente A.G..

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Omicidio a Cerignola: almeno 11 colpi d'arma da fuoco, così è stato ucciso Cataldo Cirulli detto 'Dino Str'ppen'

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Coronavirus: aumentano i casi in Puglia, sono dieci di cui due in provincia di Foggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento