Imprenditore si ribella alla mafia foggiana, le banche smettono di finanziare l'attività: "Se mi uccidono perdono i soldi"

Il servizio andato in onda al TG1 di Rai 1 su un imprenditore agricolo che in provincia di Foggia si è ribellato al pizzo della Quarta Mafia. "Le banche non mi finanziano per paura che mi uccidono e perdono i soldi"

Uno screenshot del servizio di ieri

Da tre anni dice no al pizzo, ma le banche, "per paura di poter perdere i soldi", si rifiuterebbero di finanziare l'attività dell'imprenditore agricolo scortato 24 ore al giorno dai carabinieri, l'unico ad essersi costituito parte civile nei processi contro la 'Quarta Mafia': "Se mi uccidono le banche perdono i soldi" il commento ai microfoni di Giacinto Pinto, invitato del servizio andato in onda ieri 9 febbraio 2020 durante il Tg1.

"Sono stato fermato e minacciato con armi di grosso calibro, se volevo continuare dovevo pagare una retta annuale di 150mila euro. Io sarei diventato un dipendente e loro i proprietari" spiega raccontato l'imprenditore agricolo taglieggiato. "Ho pensato al futuro dei miei figli, dei miei nipoti, della provincia di Foggia. Non si può continuare a dare denaro a dei delinquenti. E' il momento giusto, se accompagnamo lo Stato possiamo essere più forti di quelli che si chiamano boss" (qui il servizio video).

"Purtroppo è tutto vero, ha ricevuto richieste estorsive dalla criminalità, non si è piegato, ha denunciato i mafiosi, li ha fatti arrestare, vive sotto scorta, ma ora la banche lo ritengono un soggetto a rischio perché temono per la sua vita. Ora lo Stato intervenga, con immediatezza e senza indugi" il commento di Pippo Cavaliere, presidente della Fondazione Antiusura Buon Samaritano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento