rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Imprenditore si ribella alla mafia foggiana, le banche smettono di finanziare l'attività: "Se mi uccidono perdono i soldi"

Il servizio andato in onda al TG1 di Rai 1 su un imprenditore agricolo che in provincia di Foggia si è ribellato al pizzo della Quarta Mafia. "Le banche non mi finanziano per paura che mi uccidono e perdono i soldi"

Da tre anni dice no al pizzo, ma le banche, "per paura di poter perdere i soldi", si rifiuterebbero di finanziare l'attività dell'imprenditore agricolo scortato 24 ore al giorno dai carabinieri, l'unico ad essersi costituito parte civile nei processi contro la 'Quarta Mafia': "Se mi uccidono le banche perdono i soldi" il commento ai microfoni di Giacinto Pinto, invitato del servizio andato in onda ieri 9 febbraio 2020 durante il Tg1.

"Sono stato fermato e minacciato con armi di grosso calibro, se volevo continuare dovevo pagare una retta annuale di 150mila euro. Io sarei diventato un dipendente e loro i proprietari" spiega raccontato l'imprenditore agricolo taglieggiato. "Ho pensato al futuro dei miei figli, dei miei nipoti, della provincia di Foggia. Non si può continuare a dare denaro a dei delinquenti. E' il momento giusto, se accompagnamo lo Stato possiamo essere più forti di quelli che si chiamano boss" (qui il servizio video).

"Purtroppo è tutto vero, ha ricevuto richieste estorsive dalla criminalità, non si è piegato, ha denunciato i mafiosi, li ha fatti arrestare, vive sotto scorta, ma ora la banche lo ritengono un soggetto a rischio perché temono per la sua vita. Ora lo Stato intervenga, con immediatezza e senza indugi" il commento di Pippo Cavaliere, presidente della Fondazione Antiusura Buon Samaritano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore si ribella alla mafia foggiana, le banche smettono di finanziare l'attività: "Se mi uccidono perdono i soldi"

FoggiaToday è in caricamento