menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Minacce a un imprenditore per avere 200mila euro: il Gip di Bari conferma il carcere per Moretti e Valentini

Confermato il provvedimento già emesso dal Gip di Foggia, resosi necessario dopo che era stato accertato il metodo mafioso. La vittima è stata anche oggetto di percosse; minacce anche ai familiari e dipendenti

E' stata eseguita nella giornata di ieri, dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Foggia un’ordinanda di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di Rocco Moretti, 67 anni, elemento di vertice della 'Società Foggiana' (in particolare, della batteria 'Moretti-Pellegrino-Lanza') e di Domenico Valentini, classe ’72, per i reati di tentata estorsione e porto abusivo di armi da fuoco, sia comuni che da guerra, aggravati dal metodo mafioso.

I due arrestati erano già stati colpiti, lo scorso 9 ottobre, da un provvedimento di fermo di indiziato di delitto del PM della DDA di Bari, provvedimento che era poi stato convertito in misura cautelare dal GIP di Foggia. Questi, disponendo che gli arrestati rimanessero rinchiusi nella casa circondariale di Foggia, aveva però anche dichiarato la propria incompetenza, in quanto aveva anch'egli ravvisato l’aggravante dell’avere gli indagati agito avvalendosi del c.d. metodo mafioso per la commissione dei reati contestati, e cioè il tentativo di estorsione ai danni di un imprenditore operante nel settore agricolo il quale, dalla fine del 2015 era continuamente vessato da appartenenti al clan MORETTI, nel tentativo di estorcergli la somma di 200.000 euro.

Lo stesso, in più occasioni era stato avvicinato da soggetti appartenenti al clan, i quali, anche mediante percosse e con la minaccia di armi comuni e da guerra (come ad esempio fucili mitragliatori Kalashnikov), avevano cercato di costringerlo a versare la somma nelle casse dei clan, come condizione necessaria per continuare a svolgere la sua attività senza avere problemi. Analoghe minacce erano poi state rivolte anche ad alcuni dei suoi familiari e dipendenti.

Il GIP di Bari, il 26 ottobre, sulla scorta degli accertamenti già presenti agli atti e di ulteriori risultanze investigative, ha emesso una propria ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico degli indagati, notificata loro presso il carcere di Foggia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento