menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Espulso da Foggia 20enne violento (aveva il permesso di soggiorno per motivi umanitari)

Si tratta di Bangaly Berete, cittadino guineano classe 1998. Aveva messo a soqquadro il Cara e mostrato una pistola giocattolo simulando di sparare

Ieri gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Foggia hanno notificato il decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Foggia, con accompagnamento immediato alla frontiera ai sensi dell’art. 13 comma 2 lettera C del D. L.gs 286/98 a Bangaly Berete, cittadino guineano classe 1998.

Il 25 giugno Berete è stato condannato alla pena di tre mesi di reclusione per resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato. Si tratta di soggetto violento che più volte è entrato abusivamente all'interno della mensa del C.A.R.A. di Borgo Mezzanone mettendo tutto a soqquadro ed in una occasione ha mostrato una pistola, rivelatasi poi giocattolo, simulando di sparare. Ha dichiarato, altresì, agli operatori dell'ente gestore di voler sottrarre una pistola e di aver intenzione di sparare ai presenti. 

A supporto di ciò, la locale commissione territoriale, ritenendo che la complessiva condotta tenuta dal medesimo sia da considerare di gravità tale da non poter consentire che possa continuare a beneficiare del permesso di soggiorno per motivi umanitari, il 28 giugno ha deciso di revocargli la protezione umanitaria, con provvedimento notificato il giorno successivo.

Nella stessa data gli è stato, altresì, notificato il decreto di revoca del permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari emesso dal Questore di Foggia. Il predetto cittadino straniero nella mattinata odierna è stato rintracciato da personale di questo Ufficio Immigrazione presso il C.A.R.A. di Borgo Mezzanone.

A seguito di ciò il Prefetto di Foggia ha emesso nei suoi confronti, il decreto di espulsione con accompagnamento immediato alla frontiera e poiché non era immediatamente eseguibile, essendo il soggetto in questione, sprovvisto di documento valido per il rimpatrio, su disposizione del Superiore Ministero è stato collocato presso il CPR (centro per il rimpatrio) di Palazzo San Gervasio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento