Espulso da Foggia 20enne violento (aveva il permesso di soggiorno per motivi umanitari)

Si tratta di Bangaly Berete, cittadino guineano classe 1998. Aveva messo a soqquadro il Cara e mostrato una pistola giocattolo simulando di sparare

Ieri gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Foggia hanno notificato il decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Foggia, con accompagnamento immediato alla frontiera ai sensi dell’art. 13 comma 2 lettera C del D. L.gs 286/98 a Bangaly Berete, cittadino guineano classe 1998.

Il 25 giugno Berete è stato condannato alla pena di tre mesi di reclusione per resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato. Si tratta di soggetto violento che più volte è entrato abusivamente all'interno della mensa del C.A.R.A. di Borgo Mezzanone mettendo tutto a soqquadro ed in una occasione ha mostrato una pistola, rivelatasi poi giocattolo, simulando di sparare. Ha dichiarato, altresì, agli operatori dell'ente gestore di voler sottrarre una pistola e di aver intenzione di sparare ai presenti. 

A supporto di ciò, la locale commissione territoriale, ritenendo che la complessiva condotta tenuta dal medesimo sia da considerare di gravità tale da non poter consentire che possa continuare a beneficiare del permesso di soggiorno per motivi umanitari, il 28 giugno ha deciso di revocargli la protezione umanitaria, con provvedimento notificato il giorno successivo.

Nella stessa data gli è stato, altresì, notificato il decreto di revoca del permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari emesso dal Questore di Foggia. Il predetto cittadino straniero nella mattinata odierna è stato rintracciato da personale di questo Ufficio Immigrazione presso il C.A.R.A. di Borgo Mezzanone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguito di ciò il Prefetto di Foggia ha emesso nei suoi confronti, il decreto di espulsione con accompagnamento immediato alla frontiera e poiché non era immediatamente eseguibile, essendo il soggetto in questione, sprovvisto di documento valido per il rimpatrio, su disposizione del Superiore Ministero è stato collocato presso il CPR (centro per il rimpatrio) di Palazzo San Gervasio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ancora assalto a portavalori sulla A14: paura tra gli automobilisti e traffico bloccato verso Canosa

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

  • Covid-19, è (quasi) fatta per il nuovo Dpcm. Le regole in vigore dal 10 agosto: ecco cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento