Area esplosione blindatissima, San Severo in ansia per Luciano: è in gravi condizioni in un centro grandi ustioni

San Severo prega per Luciano Del Vicario, rimasto gravemente ferito nell'eplosione di ieri avvenuta nell'impresa di famiglia alla periferia della città

IMMAGINE DI REPERTORIO

Tutta San Severo è in ansia per Luciano Del Vicario, il 43enne rimasto gravemente ferito ieri pomeriggio nell'esplosione della fabbrica di materiale pirotecnico in zona Casone.

Luciano è uno dei titolari dell'impresa di famiglia. Conosciuti in città come professionisti eccellenti del lavoro da 'fuchist', nell'aprile del 2018, l'azienda pirotecnica situata a 7 km dalla città dell'Alto Tavoliere, era stata già teatro di un altro incidente analogo in cui perse la vita il 35enne Cosimo Del Vicario, deceduto alcune settimane dopo presso l'ospedale di Bari per via delle gravissime ferite e ustioni riportate nell'incendio-esplosione.

L'incidente era avvenuto mentre due operai stavano preparando i fuochi in occasione della Madonna del Soccorso che si celebrava proprio in quei giorni.

A distanza di poco più di due anni la famiglia Del Vicario si trova a dover affrontare un'altra drammatica situazione. Così come sta facendo da alcune ore l'intera città, amici e familiari pregano per Luciano, trasportato ieri in elisoccorso dal policlinico di Foggia presso il centro grandi ustioni di Cesena.

Questa mattina i vigili del fuoco sono tornati sul luogo della deflagrazione - blindatissima l'area circostante - per le operazioni di controllo e bonifica. Sul caso specifico indagano i carabinieri del comando provinciale di Foggia.

All'appello lanciato ieri su Facebook dal sindaco Francesco Miglio si è unito anche l'ex consigliere regionale Dino Marino: “Adesso tutta la comunità con in testa quella Madonna, a cui tutti noi siamo legati, siamo raccolti ognuno nella sua preghiera, perché arrivi in cielo la nostra supplica, per questa famiglia e per i due feriti membri della stessa . Sono triste ma non smetto di pregare. Forza ragazzi siamo ancora una volta tutti stretti intorno a voi. La sorte dovrà pure cambiare strada. We are waiting for you ( vi aspettiamo)”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un episodio analogo era avvenuto, sempre a San Severo, nell'ottobre del 2017 presso la fabbrica di fuochi 'PiroDaunia': in quel caso aveva perso la vita Angelo Longo, 53enne di San Marco in Lamis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Omicidio a Cerignola: almeno 11 colpi d'arma da fuoco, così è stato ucciso Cataldo Cirulli detto 'Dino Str'ppen'

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Coronavirus: aumentano i casi in Puglia, sono dieci di cui due in provincia di Foggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento