Esplosione al centro provinciale per l’Impiego di via San Severo

Ingenti danni a quattro delle otto saracinesche divelte nella deflagrazione. In frantumi i vetri di un appartamento al primo piano e lastre di marmo. Danni per circa 10mila euro

Pattuglia dei carabinieri

Cinque grossi petardi sono stati fatti esplodere nella notte da persone non ancora identificate davanti al Centro Provinciale per l'Impiego di Foggia (ex Ufficio di collocamento), in via San Severo, provocando ingenti danni a quattro delle otto saracinesche della sede, che sono state divelte nella deflagrazione, e mandando in frantumi i vetri di un appartamento al primo piano della palazzina e alcune lastre in marmo. Sull'episodio indagano i carabinieri.

Secondo gli investigatori le esplosioni dei petardi non sono da collegare all'attentato compiuto, sempre nella notte, contro la sede degli uffici di Equitalia, a Foggia. Quanto avvenuto in via San Severo sarebbe da collegare, a quanto pare ad un atto vandalico messo a segno da balordi tra le due e le tre della scorsa notte durante i festeggiamenti per l'arrivo del nuovo anno.

Le esplosioni dei petardi hanno anche mandato in frantumi i vetri della porta di ingresso del Centro provinciale per l'Impiego, servizio che dipende dalla Provincia di Foggia, e alcuni pezzi di muro adiacenti alle serrande. Secondo una prima stima, i danni ammonterebbero a circa 10mila euro.

NEWS - Dopo l'esplosione di alcuni petardi che, nella notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio, ha provocato danni agli uffici, il Centro per l'Impiego di Foggia, di via San Severo, funzionerà solo per il rilascio di certificazioni urgenti. Lo rende noto un comunicato della Provincia di Foggia dal quale il Centro dipende. Gli uffici - si legge nel comunicato - saranno in funzione, negli usuali orari di sportello, esclusivamente per il rilascio di certificazioni urgenti ai fini delle assunzioni.

(ANSA)

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento