Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La giustizia esiste", vedove Luciani in lacrime per la condanna all'ergastolo di Caterino: "Abbracceremo i nostri figli"

Arcangela e Marianna, vedove dei fratelli Luigi e Aurelio Luciani, alla lettura della sentenza di condanna all'ergastolo a Giovanni Caterino, ritenuto il basista del quadruplice omicidio di San Marco in Lamis, sono scoppiate a piangere

Un pianto liberatorio, dopo tre anni "pesanti e duri". Arcangela e Marianna, vedove dei fratelli Luciani, i due agricoltori uccisi perché testimoni scomodi dell'agguato al boss Mario Luciano Romito e a suo cognato avvenuto il 9 agosto 2017 presso la stazione ferroviaria dismessa di San Marco in Lamis, alla lettura della sentenza con la quale il basista della strage è stato condannato all'ergastolo, sono scoppiate a piangere.

"Dopo più di tre anni inizio a respirare un po' di aria pulita, peccato che sono da sola e non con mio marito. Oggi appena andrò a casa abbraccerò ancora di più mio figlio. La vita di due uomini non può finire così, adesso dovremmo raccontare ai nostri figli perché non hanno un padre, bisogna dire basta a tutta questa violenza" il commento a caldo di Arcangela, moglie di Luigi. 

"Siamo soddisfatte, ci siamo tolte un peso. Andiamo a casa con un po' di soddisfazione, sono stati tre anni veramenti pesanti e duri. La giustizia c'è, dobbiamo crederci tutti. Abbiamo altre persone che stanno fuori, sono ottimista" le ha fatto eco Marianna, moglie di Aurelio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

"La giustizia esiste", vedove Luciani in lacrime per la condanna all'ergastolo di Caterino: "Abbracceremo i nostri figli"

FoggiaToday è in caricamento