rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca San Severo

Impianti Amiu sono saturi, i rifiuti restano a terra: rischio igienico-sanitario altissimo

Lo rende noto l'assessore all'Ambiente di San Severo, Mariella Romano. Colia scrive ai vertici di Amiu Puglia

Emergenza rifiuti in provincia di Foggia, gli mpianti di conferimento rifiuti di trattamento meccanico biologico di Amiu Puglia sono saturi. A renderlo noto è l'assessore all'Ambiente Mariella Romano di San Severo, che attraverso una nota stampa ha fatto sapere alla cittadinanza che a partire da questa mattina potrebbero verificarsi criticità nel ritiro dei rifiuti da parte di Gema. "Auspicandoci che il problema possa risolversi nel più breve tempo possibile, ci scusiamo per
gli eventuali disagi".

A causa dell’attuale emergenza rifiuti in tutta la provincia di Foggia, che non ha potuto conferire i rifiuti nella discarica del capoluogo, il sindaco di Stornarella Massimo Colia, nelle vesti anche di vicepresidente di Anci Puglia, ha inviato una missiva ad Amiu Puglia e a tutti gli enti regionali interessati. “La stagione estiva è alle porte e il rischio igienico sanitario derivante dalla mancata raccolta dei rifiuti è alto e imminente”. Per questo motivo Colia ha chiesto ai vertici Amiu Puglia un tavolo tecnico urgente per fare il punto della situazione e trarne una soluzione immediata.

Così il presidente della Provincia di Foggia, Nicola Gatta: "I disagi che stanno incontrando tantissimi comuni della Capitanata nel conferimento dei rifiuti presso l'impianto Tbm di Foggia rischiano di trasformarsi in un'emergenza che va assolutamente scongiurata, tanto più con le elevatissime temperature che si stanno registrando e con l'approssimarsi dell'estate. La sospensione del conferimento dei rifiuti nell'impianto di Foggia, disposta da Amiu Puglia SpA, merita un urgente approfondimento che porti ad una soluzione immediata. Non si può attendere ancora, determinando così una situazione insostenibile sotto il profilo ambientale e dell'igiene pubblica. Oggi ho personalmente segnalato la gravità della questione al presidente di Amiu Puglia SpA, Sabino Persichella, ed al direttore generale dell'Ager, Gianfranco Grandaliano, sollecitando ad entrambi l'esigenza di mettere in campo una strategia che permetta subito ai Comuni di riportare alla normalità lo smaltimento dei rifiuti prodotti dalle loro comunità. Il tema centrale, ancora una volta, è purtroppo la debolezza della politica impiantistica sul territorio. In quest'ottica è necessario che si realizzi velocemente un aumento della raccolta differenziata soprattutto nella città di Foggia, attualmente ferma a circa il 20%. Perché, com'è evidente, le difficoltà dell'impianto del capoluogo producono a cascata una generalizzata sofferenza dell'intero sistema provinciale del ciclo dei rifiuti.  Bisogna intervenire. Ed occorre farlo molto rapidamente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti Amiu sono saturi, i rifiuti restano a terra: rischio igienico-sanitario altissimo

FoggiaToday è in caricamento