Cronaca

Emergenza rifiuti, avv. Gargiulo: “Sindaco, la colpa non è soltanto dei foggiani”

Avv. Gargiulo: "Insomma sindaco, "noi" siamo pronti a battere il "mea culpa" in questa crisi, ma vorremmo, quanto meno, non essere soli in questa sommaria pubblica lapidazione nazionale a cui Lei ci ha esposti"

L’avvocato Maurizio Antonio Gargiulo torna sul problema dell’emergenza rifiuti e commenta le dichiarazioni rilasciate a tal proposito dal primo cittadino all'Ansa e riprese anche su FoggiaToday.

Riceviamo e pubblichiamo l’articolo-lettera dell’avvocato

"Preg.mo Sindaco,

ho letto, tramite l'Ansa, le Sue dichiarazioni circa le responsabilità dei foggiani nella crisi rifiuti, che sta attanagliando la nostra città da diverso tempo, ed, in particolare, nell'atteggiamento di buttare fuori dai cassonetti l'immondizia, senza rendersi conto che, così facendo, aggravano, anche, la situazione igienica. In parte mi fa piacere leggere che il Comune di Foggia (almeno questo), attraverso la Sua persona, abbia chiaramente idea dei pericoli attuali e concreti per la salute pubblica a cui stiamo andando tutti incontro a causa di tale "calamità", dall'altro, però, non trovo giusto aver sottolineato solo l'aspetto dell'inciviltà come causa dei mali. Se, oggi, ci sono solo quattro mezzi Amica operativi è colpa dei cittadini? Non credo...

Non è giusto, dunque, me Lo permetta, non aver sottolineato come anni di "mala gestio" amministrativa abbiano inginocchiato un'azienda così fondamentale per la città. Non è giusto, altresì, non ammettere anche l'impotenza attuale e visibile di questa Amministrazione Comunale, a fronte del grave dissesto economico, nell'affrontare la questione emergenza rifiuti (emergenza poi..stato permanente). Il Suo collega, l'attuale Sindaco di Napoli, nell'affrontare il medesimo problema ha dichiarato, sempre a mezzo Ansa, come gli stati di emergenza non servano a nulla, ma ci vuole solo un ordinario rispetto delle leggi attualmente in vigore.

Concordo con questa visione e mi auspico che LEI la voglia far Sua, per una strategia pubblica operativa più proficua e, ovviamente, nell'esclusivo interesse dei cittadini foggiani, ivi compresi quelli da Lei criticati ma mai puniti direttamente, nonostante le promesse note di avviare una "task force" d'ispettori. Lo ripeterò fino alla nausea : I MALI DI FOGGIA SONO "IN PRIMIS" NEI PALAZZI PUBBLICI (e nei loro bilanci) - DUNQUE AD OPERA DI CHI (politici e amministratori)  HA MAL GESTITO, PER TANTI ANNI o anche meno, IL DENARO PUBBLICO (vedi anche la recente denuncia di Striscia la Notizia sui bidoni della differenziata) e DI CERTO, A SEGUIRE, ANCHE NELL'INCIVILTA' DI PARTE DELLA CITTADINANZA, incapace di senso civico MA CHE E' ALTRESI' LIBERA DI ESSERE QUELLO CHE E', vista l'assenza di controlli e di sanzioni amministrative.

Insomma Sindaco, "noi" siamo pronti a battere il "mea culpa" in questa crisi, ma vorremmo, quanto meno, non essere soli in questa sommaria pubblica lapidazione nazionale a cui Lei ci ha esposti. Grazie".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti, avv. Gargiulo: “Sindaco, la colpa non è soltanto dei foggiani”

FoggiaToday è in caricamento