rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Cronaca

Aggressioni, droga e telefonini nelle carceri: è emergenza in Puglia

Il segretario generale del sindacato Osapp chiede un incontro urgente con i prefetti: "La polizia penitenziaria conta una carenza di personale di circa 700/800 unità"

“Aggressioni e tentativi di introduzioni di sostanze stupefacenti, telefoni cellulari e quant’altro”. E' quanto denuncia il segretario regionale del sindacato Osapp (Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria) all'interno delle case circondariali pugliesi. Emergenze e criticità che hanno indotto il sindacato a chiedere un incontro congiunto con tutti i prefetti della regione, presso la Regione Puglia. 

“Considerando che la Puglia ha un alto tasso di criminalità organizzata molto efferata – si legge nella lettera a firma di Ruggiero Damato - in particolar modo nel foggiano, tarantino, barese e leccese, considerando che si percepisce anche eventuali forme di protesta da parte della popolazione detenuta attraverso forme di disordine o ancor peggio di rivolte, anche da parte di gruppi anarchici o che condividono forme di protesta per particolari regimi detentivi, noi riteniamo che sia da prendere in seria considerazione quanto in oggetto non solo con la scrivente organizzazione sindacale, ma coinvolgendo tutte le organizzazioni sindacali rappresentative di categoria”.

“La nostra richiesta  - chiarisce Damato - non è finalizzata a una sorta di protagonismo sindacale, ma da un effettiva esigenza di incontro e confronto, finalizzata ad illustrare una situazione di enorme disagio e senso di abbandono che vivono donne e uomini della polizia penitenziaria, che conta una carenza di personale di circa 700/800 poliziotte/i sull’intero territorio regionale, per cui quello che stiamo esponendo, senza dimenticare le rivolte del penitenziario di foggia con devastazione e successiva evasione di 70 reclusi, e un'esecuzione dinanzi alo stesso penitenziario, oltre le varie evasione e disordini dei penitenziari di Trani, Bari, Taranto, Lecce quelle più eclatanti, che di fatto rientrano nella sfera anche di ordine e sicurezza pubblica di vostra diretta competenza. Concludiamo nel chiedervi un urgente incontro nella prima decade del mese di aprile", conclude il sindacalista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressioni, droga e telefonini nelle carceri: è emergenza in Puglia

FoggiaToday è in caricamento