Voti in cambio di soldi, reddito di cittadinanza a non aventi diritto e irregolarità durante le elezioni ad Apricena

Nuovo 'terremoto' per il Comune di Apricena. La Guardia di Finanza sta notificando 18 avvisi di conclusione indagini preliminari emessi dalla Procura della Repubblica di Foggia nei confronti di altrettanti responsabili che, a vario titolo, avrebbero mantenuto condotte illecite nelle scorse elezioni

Immagine di repertorio

Nuovo 'terremoto' per il Comune di Apricena. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Foggia stanno notificando 18 avvisi di conclusione indagini preliminari emessi dalla Procura della Repubblica di Foggia nei confronti di altrettanti responsabili che, a vario titolo, avrebbero mantenuto condotte illecite in occasione delle consultazioni amministrative del Comune di Apricena del maggio 2019.

Il commento del sindaco di Apricena Antonio Potenza

Nello specifico, le indagini hanno permesso di appurare che diversi cittadini comunitari avrebbero offerto il proprio voto e quello dei loro familiari in cambio di denaro (per una somma variabile tra i 20 e i 50 € per singolo voto) e che un Presidente di seggio (Sezione elettorale) avrebbe omesso di rilevare nel verbale di operazioni dell’ufficio elettorale di sezione i numeri delle tessere elettorali di 86 elettori, impedendo, di fatto, la possibilità di risalire a quanti si erano recati al seggio durante le votazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’ambito delle stesse indagini sono state accertate responsabilità anche nei confronti di un dirigente ed un funzionario dell’Ufficio Anagrafe, per aver autenticato (oltre i termini di legge consentiti) le liste elettorali aggiunte dei cittadini membri UE al fine di evitarne la decadenza dal diritto di voto. Infine, è stato appurato che due agenti della Polizia Municipale dello stesso Ente locale avrebbero favorito, attraverso false attestazioni di residenza, la percezione del reddito di cittadinanza da parte di soggetti non aventi diritto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

  • Ultima ora: 12 arresti nell'operazione 'Turn-over'. Sgominato traffico di droga, metodi mafiosi e armi a Trinitapoli

  • Tragedia a Mattinata: 45enne morto per annegamento

  • Per i clienti di un locale il conto è salato: titolare strattonata e presa a schiaffi, indaga la polizia di San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento