rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca Cerignola

Duplice omicidio a Cerignola: padre e figlio giustiziati con un colpo alla nuca e chiusi in sacchi di plastica

Il ritrovamento questa mattina nelle campagne tra Cerignola e Manfredonia. Sul posto vigili del fuoco e polizia. Si tratta di Gerardo Cirillo e di Davide Pasquale Cirillo

Appartengono a Gerardo Cirillo di 58 anni e al figlio Pasquale Davide di 27, i due corpi senza vita trovati chiusi in due sacchi di plastica bianchi abbandonati tra i tubi utilizzati per irrigare i campi, sul loro terreno di campagna, nelle vicinanze di un casolare abbandonato, in agro di Cerignola, città dove risiedevano i due agricoltori. Sarebbero stati giustiziati entrambi con un colpo alla nuca e abbandonati a distanza di alcune decine di metri l'uno dall'altro.

Sono stati ritrovati degli agenti della squadra mobile – che indagano sull’accaduto sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia - all’esito delle ricerche avviate dopo la denuncia dei familiari, che non vedendoli arrivare e non riuscendosi a mettere in contatto con loro, avevano allertato il 113.Sul posto è intervenuta anche una squadra dei vigili del fuoco di Manfredonia. 

Il 58enne aveva precedenti per droga, era stato arrestato nel settembre 2014 (leggi qua). Il figlio aveva invece la fedina penale pulita. Nelle ore successive al macabro ritrovamento, gli investigatori hanno ascoltato parenti, amici e conoscenti delle due vittime.

Si indaga sulla vita privata di entrambi e non viene tralasciata alcuna pista. Tuttavia, sembra essere momentaneamente esclusa quella della criminalità organizzata. Attraverso i profili delle vittime si sta cercando di ricostruire il possibile movente del duplice delitto e l'esatta del decesso attraverso l'intervento del medico legale.

Aggiornato alle 21.13

omicidio cirillo cerignola-2cerignola, omicidio cirillo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duplice omicidio a Cerignola: padre e figlio giustiziati con un colpo alla nuca e chiusi in sacchi di plastica

FoggiaToday è in caricamento