rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Troia

Donne in pericolo nei piccoli comuni: 5 messe in sicurezza con i figli in case protette, 32 hanno chiesto aiuto ai Cav

I numeri delle violenze nei comuni dei Monti Dauni Meridionali. Densa di appuntamenti la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne.

Quaranta contatti, trentadue donne prese in carico dai servizi sociali, di cui cinque minacciate di morte e messe in sicurezza, con i figli, in case protette. Sono i numeri forniti dal centri anti violenza 'Libellulla' dei comuni dell’ambito di Troia (Monti Dauni Meridionali), e relativi al periodo maggio 2019-novembre 2021. Dieci delle trentadue donne seguite dal Cav hanno sporto denuncia nell’ultimo anno. Un dato altissimo per un territorio di soli 16 comuni, di cui il 90% sono piccoli centri. I numeri hanno i volti di donne vittime di violenza e raccontano quanto diffuso e grave sia il malessere vissuto nelle famiglie; quanto la violenza sulle donne sia sempre più pratica quotidiana. Ma anche delle difficoltà a denunciare. Ancora poche le donne che riescono a varcare la soglia della paura.

Il Cav Libellula e i servizi sociali del piano d’ambito di Troia lavorano, quotidianamente, per attivare progetti e programmi speciali destinati alle donne vittime di violenze e soprusi. Oggi, cinque donne, con i loro figli vivono al sicuro, lontane dalle violenze, proiettate al futuro per ricostruirsi una vita, per le altre ventisette sono scattate procedure speciali di supporto e sostegno economico: Reddito di libertà (da poco istituito dall’Inps), sostegno abitativo, percorsi speciali di autonomia (borse lavoro in aziende e possibilità di assunzione a fine percorso).

L'Ambito Territoriale di Troia, in collaborazione con il Cav Libellula, ha attivato equipe multidisciplinare per servizi di supporto psicologico, legale, educativo e sociale, ed intensa e costante è l’attività di prevenzione, programmata periodicamente con percorsi formativi e campagne di informazione. “Questa è la Giornata in cui ci fermiamo per raccontare quel che succede a migliaia di donne, ogni giorno dell’anno. Il quadro che emerge dai dati raccolti sul nostro piccolo territorio è preoccupante. E’ necessario che ogni donna vittima di maltrattamenti denunci, chieda aiuto ai centri antiviolenza. I servizi sociali e le forze dell’ordine saranno al loro fianco. Noi, in quanto amministratori, continueremo ad attivare e rafforzare tutti i progetti ed i programmi necessari per aiutarle nel percorso di libertà ed indipendenza economica” sottolinea il sindaco di Troia, Leonardo Cavalieri 

Densa di appuntamenti la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne. Tutti i Comuni dell’Ambito hanno aderito all’invito del centro anti violenza esponendo striscioni, mentre alcune amministrazioni comunali hanno allestito spazi ed organizzato eventi dedicati al tema della violenza di genere.

A Castelluccio dei Sauri è stata installata una panchina rossa (così come a Bovino) e organizzato un flashmob a cura della scuola Arte Danza. Flashmob anche a Candela, dove si è svolto il convegno 'Stop Violence Against Women' organizzato dall’Itc Giannone Giannone Masi nell’ambito dei progetti Sai gestiti dalla cooperativa sociale, MedTraining,  A Sant'Agata di Puglia si tenuta una ettura di brani e racconti dedicati al tema della violenza sulle donne e una donazione di rose rosse. A Troia, 'Se l’amore non è Amore… Uomini, donne, violenza di genere', è il titolo dell’evento in programma fino a domenica 28 novembre. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Troia e ideata dall’associazione “Insieme per…” nata in ricordo di Federica Ventura - la giovane madre uccisa dal marito il 16 febbraio 2018 - si svilupperà in spazi e momenti diversi a partire dalle 19 di oggi: il suggestivo percorso meditativo che partendo dalla panchina rossa in villa comunale attraverserà via Regina Margherita dove troveranno spazio installazioni con poesie e musica. Il percorso si concluderà a Palazzo D’Avalos, sede del municipio. Nella sala azzurra del museo civico, sarà possibile visitare la mostra fotografica dedicata alla violenza di genere e visitabile fino a domenica 28 prossima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne in pericolo nei piccoli comuni: 5 messe in sicurezza con i figli in case protette, 32 hanno chiesto aiuto ai Cav

FoggiaToday è in caricamento