rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Cronaca

La malavita colpisce ancora D'Auria: incendiati i campi dell'imprenditore che si è opposto alla mafia foggiana

E' successo questa mattina in zona Incoronata a Foggia. Sarebbero decine e decine i campi di grano distrutti dalle fiamme

Non si piegherà nemmeno questa volta - dopo l'ennesimo episodio intimidatorio che quest'oggi ha provocato la distruzione di decine e decine di ettari di grano in zona Incoronata a Foggia - Lazzaro D'Auria, l'imprenditore passato alla ribalta delle cronache locali, nazionali ed internazionali, per essersi opposto alla mafia foggiana, precisamente al clan Moretti-Pellegrino-Lanza (la storia). A confermare l'atto incendiario, a Foggiatoday, è la vittima: "Purtroppo sì". 

Anni fa, nella Capitanata "gallina dalle uova d'oro" ma vessata dalla criminalità, l'imprenditore si era trovato ad un bivio: cedere al ricatto della mafia oppure garantire un futuro alle famiglie dei suoi dipendenti. A scegliere la strada della legalità e del coraggio, hanno inciso il senso di responsabilità nei confronti dei suoi ottanta dipendenti e il moto di orgoglio verso quello che aveva costruito in trent'anni di lavoro: "Non potevo mandare tutto all’aria per una piccola fascia delinquenziale, seppure pericolosa e cattiva. Così mi sono ravveduto e ho denunciato tutto ai carabinieri" diceva D'Auria nell'aprile del 2021 ai microfoni del nostro quotidiano.

Quattro mesi dopo, nell'agosto 2021, la malavita tornerà a colpire distruggendo i suoi capannoni (guarda qua). Ciò nonostante l'impegno antimafia dell'imprenditore campano che ha investito in Capitanata e dato lavoro a tantissime persone, si concretizzerà con l'ingresso nell'associazione antiracket del capoluogo dauno nata nel dicembre dello scorso anno e presentata in città alla presenza del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese (continua a leggere).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La malavita colpisce ancora D'Auria: incendiati i campi dell'imprenditore che si è opposto alla mafia foggiana

FoggiaToday è in caricamento