Marina di Lesina: Fabio e Mingo documentano il dissesto idrogeologico

I due inviati di "Striscia La Notizia" hanno indagato sulle voragini profonde createsi sul territorio lagunare. Sotto accusa la costruzione delle gabbie d'acciaio ai lati del canale avvenuta quindici anni fa

Sul dissesto idrogeologico di Marina di Lesina hanno indagato anche i due inviati di "Striscia la notizia" Paolo e Mingo. Molte zone della cittadina lagunare stanno letteralmente sprofondando.

Le voragini si sono create persino vicino le abitazioni. Gli appartamenti sono stati anche sgomberati. Il sottosuolo della cittadina marittima è fatta di gesso, il quale si è sciolto nel corso degli anni ed è franato in virtù delle continue infiltrazioni di acqua.

VIDEO "STRISCIA LA NOTIZIA"

La causa dei continui smottamenti risiederebbe in un canale costruito col cemento armato negli anni Trenta. Lo stesso negli anni Novanta è stato sostituito con le gabbie d’acciaio, le quali probabilmente non riescono a reggere il peso dell’acqua.

Nonostante nel 2008 siano stati spesi 4milioni di euro il paese continua a sprofondare. Intervistato da Mingo, l’ingegnere Antonio Palma dell’associazione "Pro Lesina Marina" afferma che bisognerebbe “impermeabilizzare il canale”.

La gabbia d’acciaio è stata una scellerata soluzione di quindici anni fa” ha affermato Palma
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento