Cronaca

Bomba della II guerra Mondiale rinvenuta a Cosenza. Gli Artificieri di Foggia la disinnescano

I militari dell'11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia hanno provveduto alla rimozione dell'ordigno, una bomba d'aereo di circa 220 chilogrammi rinvenuta in pessime condizioni ma ancora funzionante. Sette ore di intervento sono state necessarie per trasportare la bomba e farla brillare

Gli artificieri dell'11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia, unità specialistica alle dipendenze della Brigata Pinerolo, hanno provveduto in mattinata al disinnesco e neutralizzazione di un ordigno bellico, risalente al secondo Conflitto Mondiale, occasionalmente rinvenuto in un cantiere edile in una zona centrale del Comune di Cosenza (CS).

L'ordigno, una bomba d'aereo da 500 libbre (circa 220 kilogrammi) di tipo AN-M 64 di fabbricazione americana, rinvenuto in pessime condizioni di conservazione ma ancora attivo e funzionante, era stato stabilizzato e messo in sicurezza grazie al tempestivo intervento del team EOD (Explosive Ordnance Disposal) della 2^ Compagnia stanziata nella Caserma "Manes" di Castrovillari (CS), lo scorso 30 giugno.

La delicata operazione di disinnesco, condotta sul campo da un team di artificieri specialisti, esperto nel settore della disattivazione di ordigni esplosivi, ha previsto la rimozione della spoletta dall’ordigno e successivamente il suo trasporto, per la definitiva neutralizzazione, in un’area idonea. Il comune di Cosenza sotto la guida dell’ingegnere Giulia Fresca ha fornito una macchina movimento terra in concorso all’attività.

Le operazioni sono state coordinate dall'EOD STAFF OFFICER (l'Ufficiale responsabile della corretta attuazione di tutte le misure di sicurezza relative all'attività di bonifica) dell'11°Reggimento Guastatori di concerto con la Prefettura di Cosenza e il Capo team EOD. Per garantire un'adeguata cornice di sicurezza all'intervento, la locale amministrazione comunale ha stabilito, con apposita ordinanza, l’evacuazione dei residenti nel raggio di 250 m dal luogo del rinvenimento.

L’intervento è iniziato alle ore 7 di questa mattina ed è terminato con successo dopo 7 ore di intenso lavoro con il brillamento, ovvero l’esplosione controllata dell’ordigno. Gli specialisti EOD (Explosive Ordnance Disposal) dell'11° Reggimento Genio Guastatori, coordinati per tali attività dal 2° Comando delle Forze di Difesa, sono stati impiegati per la bonifica e neutralizzazione di 102 ordigni dall'inizio dell'anno.

L’Esercito, grazie alla capacità “dual-use” (capacità di operare con le autorità civili a favore della cittadinaza e quella operativa espressa nelle missioni internazionali) dei Reparti dell’Arma del Genio, è in grado d'intervenire in ogni momento, in tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale, in interventi di pubblica utilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba della II guerra Mondiale rinvenuta a Cosenza. Gli Artificieri di Foggia la disinnescano

FoggiaToday è in caricamento