Discariche abusive nel Torrente Carapelle, blitz delle Guardie Ambientali

Nel torrente sito sulla Sp 79 c'erano due discariche abusive di 800 e 1000 metri. All'interno sono stati trovati un'auto priva di targa, rifiuti urbani, speciali, pericolosi, televisori, frigoriferi, medicinali e pc

Guardie Ambientali sul posto

La Guardia Nazionale Ambientale di Foggia, coordinata dal Dirigente Provinciale Maccione Roberta Eliana, ha rinvenuto vicino al torrente Carapelle sito sulla Sp 79 incrocio A 14 adriatica Carapelle-Puglia, ben due discariche abusive di circa 800 e 1000 metri quadri, contenenti rifiuti urbani, rifiuti speciali e rifiuti pericolosi tra i quali mucchi di eternit, cataste di cellophan bruciati, televisori, frigoriferi, PC, scatole di medicinali, vetro, lattine, cumuli d’indumenti usati, materiali di risulta, polistirolo, cassette di plastica e di legno, pneumatici usurati e sacchetti di plastica contenenti scarti alimentari.

Agli occhi delle  G.N.A. si è presentato uno scenario davvero raccapricciante. Nel torrente c’era persino un veicolo privo di targa. Le guardie hanno immediatamente richiesto l’intervento della Polizia Provinciale, sempre in prima linea nella lotta contro i reati ambientali, che ha provveduto ad informare dell’accaduto la Procura della Repubblica del capoluogo dauno.

Il degrado ambientale è una delle dieci minacce ufficialmente proclamate dall’Istituto delle Risorse Mondiali (world Resources Institute).

Guardia Nazionale Ambientale Foggia: “E’ utile ricordare che i rifiuti, anche se non pericolosi (tra i quali i rifiuti solidi urbani - RSU -), così come ritrovati, restano attivi per oltre trent’anni e attraverso i naturali processi di decomposizione anaerobica producono biogas altamente pericolosi (metano e anidrite carbonica) nell’atmosfera e numerosi liquami (pergolato) contenenti sali organici altamente contaminanti per il terreno e le falde acquifere. Invece per quanto riguarda i rifiuti pericolosi e le plastiche abbandonati sul suolo, dati gli enormi tempi di degradabilità, ne persistono le tracce per ben oltre 300 -900 anni. Il concetto del “disfarsi” indiscriminatamente senza il rispetto degli obblighi e la mancata assunzione di responsabilità , regnano sovrani”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento