Baraccopoli tra rifiuti pericolosi, ratti e carcasse di animali: blitz della polizia in viale Fortore

a una prima ricognizione, risulterebbero abbandonati nel sito che arriva fino a via Manfredonia anche rifiuti speciali come pneumatici bruciati e carcasse di animali, presunto amianto e fibre di lana di vetro

Le baraccopoli e i rifiuti (Ph di Roberto D'Agostino)

Una discarica in città, rifiuti pericolosi e non, a pochi passi da abitazioni e aziende, nascosta alla vergogna della vista da un cancello malandato. Dall’altra parte, viale Fortore, una delle arterie cittadine più trafficate della città. Ad aprire quel cancello sono stati, domenica pomeriggio, gli agenti della Sezione Volanti della Questura di Foggia.

Il loro intervento era stato richiesto tramite segnalazione al 113, ma nella comunicazione si faceva riferimento a gruppi di famiglie che avevano occupato i capannoni in stato di abbandono da decenni dietro l’ormai dismesso Consorzio agrario provinciale e un presunto furto di energia elettrica e acqua da parte degli stessi. Ben altro, però, quello che è stato trovato dagli operatori.

Una discarica di rifiuti di dimensioni preoccupanti, truppe di ratti padroni della situazione e carcasse di animali andati a morire nel piazzale che unisce i vari plessi in disuso. Nell’immediatezza dei fatti, gli agenti hanno identificato una trentina di persone, donne e uomini, di nazionalità rumena e albanese che avevano trasformato quei capannoni malandati in alloggi e ripari di fortuna. Tre uomini sono stati arrestati per il furto di energia elettrica e saranno processati per direttissima questa mattina. Impossibile quantificare il danno subito dall’azienda di energia elettrica, vista la totale assenza di contatori ma solo allacci precari alla linea del Consorzio.

Per quanto riguarda la presenza di rifiuti speciali o presumibilmente pericolosi, invece, ieri pomeriggio c’è stato un ulteriore sopralluogo da parte della polizia (quattro le pattuglie giunte sul posto domenica) coadiuvata da polizia Provinciale e Municipale poi le autorità preposte valuteranno valutare l’eventuale impatto ambientale. Da una prima ricognizione, infatti, risulterebbero abbandonati nello spiazzo che va da viale Fortore fino a via Manfredonia rifiuti speciali come pneumatici bruciati e carcasse di animali, ma anche presunto amianto e fibre di lana di vetro. Per questo saranno allertate unità competenti per analizzare il materiale presente e decidere la procedura di bonifica e smaltimento. Sul posto, anche un tecnico dell’Enel e un responsabile del Consorzio agrario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una situazione di degrado che non è nuova per quella parte di periferia cittadina. Da anni, infatti, quei locali diroccati che insistono nella zona del cimitero (come i locali delle vecchie “Fornaci”, poco distanti) vengono periodicamente occupati da senza tetto e trasformati in dormitori. Presenze perlopiù invisibili, fino a quando la pericolosità e l’instabilità stessa dei luoghi porta queste realtà sulle pagine di cronaca. Proprio come accadde a giugno di due anni fa, quando un giovane rumeno venne travolto da un lastrone di eternit che si staccò dal tetto di uno dei capannoni delle ex Fornaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento