Sorpreso insieme a due complici con un chilo di hashish: arrestato il figlio di Giuseppe Pacilli

Si tratta di Francesco Pio Pacilli (figlio del noto Boss Giuseppe), Michele Palena e Libero Caputo. Alla vista degli agenti, si sono disfatti di un involucro contenente dieci panetti di hashish

La Polizia di Manfredonia, unitamente al Reparto Prevenzione Crimine di Bologna ha arrestato tre persone: Francesco Pio Pacilli, di 21 anni (figlio del noto boss di Monte Sant’Angelo Giuseppe, arrestato nel 2011, dopo due anni di latitanza) Michele Palena di 22 e Libero Caputo di 40 anni, per detenzione ai fini i spaccio di sostanza stupefacente in concorso.

Il triplice arresto si è consumato nella serata di ieri, nei pressi di una zona periferica contigua al litorale sipontino, in aperta campagna, quando gli agenti hanno identificato i tre soggetti, i quali, alla vista della polizia, hanno tentato la fuga a bordo di una Volkswagen Up.

Prima di fuggire i tre si sono disfatti di un involucro - lanciato dal finestrino e prontamente individuato dagli uomini del 113 - contenente 10 panetti di hashish per un peso complessivo di circa un chilo.

La fuga dei tre, però, è durata poco. La polizia li ha prontamente fermati: dalle successive perquisizioni personali e domiciliari non sono stati rinvenuti altri stupefacenti. I tre sono stati pertanto arrestati, e sottoposti ai domiciliari in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento